Politica / Politica

Commenta Stampa

Il presidente alla Bocconi per ricordare Luigi Speranza

Napolitano: smarriti rispetto istituzioni e confronto civile


Napolitano: smarriti rispetto istituzioni e confronto civile
27/09/2013, 14:31

MILANO  - Il presidente della Repubblica, accompagnato dalla moglie Clio,  è arrivato intorno alle 10.30 all’università Bocconi per un  incontro in ricordo di Luigi Spaventa.   Il  Capo dello Stato   è stato accolto al suo ingresso da un applauso da parte di un gruppo di studenti. Napolitano, durante il suo discorso,  ha ricordato la figura del politico scomparso lo scorso gennaio:  "Luigi Spaventa si impegnò in Parlamento "dal 1976 al 1983, due legislature entrambe accorciate, prassi molto italiana, come sappiamo, da scioglimenti precoci delle camere".  Ha detto il presidente della Repubblica,  ed ha aggiunto: "Parlo qui della politica non come consapevolezza dell'interesse generale, senso del dovere civico, percezione responsabile dei problemi della società e dello Stato, perché di questa dimensione, propria del vivere in democrazia, ogni cittadino dovrebbe essere partecipe".  Secondo Napolitano, il rapporto tra maggioranza e opposizione produce oggi "smarrimento di ogni nozione di confronto civile, e di ogni costume di rispetto istituzionale e personale". Riferendosi agli anni dell'impegno politico di Luigi Spaventa Napolitano si è interrogato: "Cosa è rimasto di quel modo di vivere la politica e di convivere in una istituzione e anche del modo in cui, di conseguenza, si vedeva dall'esterno il mondo della politica?".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©