Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Presidente si dice preoccupato per il prossimo futuro

Napolitano: temo che le pertubazioni politiche aumentino fino al 2013


Napolitano: temo che le pertubazioni politiche aumentino fino al 2013
16/11/2010, 18:11

ROMA - "Spero di non essere costretto, da qui al 2013  a rifugiarmi in questa biblioteca del Quirinale come in un'oasi rispetto a un mondo politico e istituzionale perennemente perturbato. Mi auguro di potere venir qui serenamente". Così, con un mix di amarezza, preoccupazione ed ironia, il Presidente Giorgio Napolitano ha inaugurato la restaurata biblioteca del Quirinale.
E dai commenti sul trambusto politico attuale, il Capo dello Stato esterna un'altra preoccupazione, questa volta legata alla tutela della lingua italiana:"Non sono un adoratore della carta come materia - dichiara -, la apprezzo per il contenuto che con essa si esprime attraverso la lingua italiana. Mi permetto di nutrire riserve e preoccupazioni nei confronti dei mezzi di informazione che ci restituiscono così impoverita e contratta la nostra lingua che gode nel mondo di fortuna e prestigio ed è uno dei tratti incontestabili ed importanti della nostra identità nazionale".
Insieme a Giorgino Napolitano, sono intervenuti alla cerimonia anche il segretario generale, Donato Marra, il presidente onorario della Accademia della Crusca, Francesco Sabatini ed il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta. Dopo aver preannunciato un convegno dedicato interamente alla lingua italiana che si terrà in concomitanza delle celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, Napolitano ha rivolto un plauso all'opera di restauro della biblioteca; sottolineando in particolare "un ottimo uso dei fondi assegnati dallo Stato alla presidenza della Repubblica, fondi che cercheremo di ridurre ancora".
Per tale motivo, dal Quirinale, ci si adopererà per favorire una politica di spesa "selettiva e mirata, strettamente funzionale allo svolgimento del ruolo della presidenza della Repubblica".
Intanto, la riunione tra il capo dello Stato, Renato Schifani e Gianfranco Fini prevista per le 17:30, è cominciata.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©