Politica / Parlamento

Commenta Stampa

NASCE AL VOMERO IL COMITATO DEI SENZA LUCE


NASCE AL VOMERO IL COMITATO DEI SENZA LUCE
25/10/2008, 13:10

 “ Siamo stufi di aspettare. Né va di mezzo la sicurezza dei cittadini – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari e promotore del Comitato dei senza luce -. Troppe strade al Vomero manifestano notevoli carenze negli impianti di pubblica illuminazione, mentre le proteste e le segnalazioni fatti dai residenti non ricevono alcuna risposta operativa “.

    “ Penso – prosegue Capodanno - agli abitanti di via E. Mario o di viale Raffaello, strade nelle quali da diversi giorni, come denunciato dai residenti, gli impianti  sono spenti, ma anche a strade come via Mattia Preti, dove l’impianto nel tratto di marciapiede che va da via Scarlatti a via Cimarosa è, allo stato, inesistente, dal momento che anche i sostegni sono scomparsi ( foto allegate ). Ci sono poi strade, come via Tino di Camaino, dove l’illuminazione, costituita da pochi punti luce al centro della carreggiata, è palesemente insufficiente “.

    “ Il tutto con grande soddisfazione di ladri, rapinatori e scippatori che, approfittando delle tenebre, possono più agevolmente portare a compimento le loro azioni delinquenziali a danno dei cittadini – denuncia Capodanno -. Reputo che quando viene messa in discussione la sicurezza dei cittadini vi sia anche materia per gli inquirenti, e che bene fanno i cittadini a valutare la possibilità di rivolgersi, vista la latitanza degli uffici preposti, alla Procura della Repubblica “.

    “ Da oggi – precisa Capodanno – tutti coloro che vogliono segnalare o denunciare carenze negli impianti di pubblica illuminazione potranno farlo collegandosi al gruppo del “Comitato dei senza luce “, collegandosi al sito internet http://www.facebook.com/group.php?gid=33559487082&ref=mf . Come Comitato ci impegneremo a far sì che gli impianti della pubblica illuminazione non solo funzionino ma vengano adeguati alle esigenze della cittadinanza, nel rispetto delle normative vigenti, sollecitando al riguardo la pubblica amministrazione e le ditte alle quali è affidata la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti “.
       
      

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©