Politica / Regione

Commenta Stampa

Nasce da Facebook l’associazione “Stabia, Cambia”


Nasce da Facebook l’associazione “Stabia, Cambia”
23/12/2009, 12:12

CASTELLAMMARE DI STABIA- Mentre si avvicinano le prossime elezioni amministrative, parte dal popolare social network facebook l’associazione “Stabia, Cambia!”, ovvero il movimento di liberi cittadini finalizzato a cambiare la città delle acque.
 
Ad annunciarlo Antonio Sicignano, consigliere comunale del Pdl e vicepresidente dei Circoli della Libertà della Campania e Giovanni Cascone, residente della periferia Nord della città, promotori del neomovimento associativo stabiese.  «E’ giunto il momento - spiega Sicignano – che chi non è contento di come vanno attualmente le cose nella città di Castellammare si faccia coraggio e scenda in campo.
 
Tutti – aggiunge - sanno che a Castellammare le cose non vanno per niente bene, che il turismo è a pezzi, che la crisi occupazionale ha raggiunto massimi storici e che regna l’illegalità più diffusa. Ma, ora basta lamentele e piagnistei, è giunto il momento di scendere in campo per programmare un cambiamento della città.
 
”Stabia, Cambia” – continua - sarà un movimento aperto alla società civile, senza la presenza di vecchi politici e delle solite chiacchiere da propaganda. Esso sarà un movimento concreto dove si discuteranno le idee innovative e si faranno solo fatti. Stiamo preparando una vera e propria rivoluzione morale, che cambi totalmente la nostra città».
 
Dello Stesso avviso Giovanni Cascone. «Abbiamo già raggiunto tante adesioni – spiega – ed è davvero incredibile il successo che abbiamo riscontrato su Facebook, dove già sono stati affrontati numerosi problemi seri e sensibili per la nostra città. Ora è giunto il momento di metterci in gioco ed uscire tra la gente anche fuori da Facebook.
 
Lancio un appello a chiunque vuole collaborare con noi a farsi avanti. Chiunque vuole cambiare Castellammare – conclude Cascone, riadattando una celebre frase dei promessi sposi - “parli ora o taccia per sempre”» .

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©