Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il cavallo di troia sono i risarcimenti danni

Nella manovra finanziaria inserito anche il processo breve


Nella manovra finanziaria inserito anche il processo breve
29/06/2011, 15:06

ROMA - Tra gli articoli della finanziaria che il governo approverà domani in Consiglio dei Ministri, si cominciano a vedere i primi veleni. A cominciare dalle norme sul processo breve. Infatti, nella legge è previsto un risarcimento danni di 2,5 euro al giorno (elevabile a 3 o diminuibile a 2, secondo le decisioni del giudice) per ogni processo in cui ciascun grado di giudizio duri più di due anni, più un anno per i gradi supplementari, in caso di sentenza di rinvio da parte della Cassazione. I tempi si calcolano dalla richiesta di rinvio a giudizio, al più tardi. E' chiaro che questo significa fior di risarcimenti per mafiosi ed omicidi, i cui processi di solito durano a lungo. Inoltre viene inserita una norma destinata a bloccare ulteriormente i processi, a partire dal processo Ruby: il giudicè può disporre, anche di ufficio, che "sia rinnovato l'avviso dell'udienza preliminare quando è provato o appaia probabile che l'imputato non presente all'udienza non ne abbia avuto effettiva conoscenza, sempre che il fatto non sia dovuto a sua colpa e fuori dei casi di notificazione mediante consegna al difensore". Spieghiamo questa norma in termini semplici. Oggi, quando viene fatta la notifica, viene consegnata, se possibile, nelle mani dell'imputato o dall'avvocato, se l'imputato ha chiesto così; in alternativa viene inviata per posta, con raccomandata. Se non viene ritirata, la persona in questione viene considerata irreperibile e quindi si procede in contumacia. Con questa norma, invece, il giudice dovrebbe dire: "Visto che l'imputato è irreperibile, il Pm lo cerchi ancora". Ma la norma in questione riguarda anche il processo Ruby e Silvio Berlusconi: il premier, tramite i suoi avvocati, ha asserito di non aver ricevuto la notifica dell'udienza in cui è stato deciso il rito immediato, in quanto la notifica è stata consegnata ad una delle sue segretarie.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©