Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Un possibile condono edilizio ed uno sui beni archeologici

Nella manovra finanziaria spuntano i condoni camuffati


Nella manovra finanziaria spuntano i condoni camuffati
29/06/2010, 10:06

ROMA - Per ora sono solo emendamenti, proposte di modifiche, ma sono abbastanza inquietanti perchè potrebbero essere inclusi nella manovra finanziaria o addirittura in un maxiemendamento da approvare con la fiducia, come sembra sin da adesso sia l'intenzione del governo. Parliamo dei condoni, su cui c'è la promessa del governo di non approvarli. Ed è per questo che vengono nascosti.
Per esempio è stato creato un condono edilizio, camuffato con due diversi provvedimenti. In uno si prevede per il Comune la possibilità di sequestrare le case costruite abusivamente e di venderle all'asta, anzichè abbatterle, in modo da rimpinguare le esauste casse comunali. Un altro provvedimento dà la possibilità, in questi casi, al proprietario dell'immobile sequestrato di un diritto di prelazione. Detto in altri termini: se la persona a cui la casa è stata sequestrata perchè abusiva versa al Comune la stessa cifra di chi vince l'asta, ritorna in possesso della casa, questa volta completamente condonata. Certo, si tratta di un condono abbastanza salato, ma non poi tantissimo.
Un altro esempio è un condono sui beni archeologici detenuti illegalmente. Parliamo di quei beni che per legge dovrebbero essere restituiti allo stato, ma che tombaroli, pseudo-amanti dell'archeologia e ricchi delinquenti vari si tengono nelle loro case, magari per vantarsi davanti ad amici e conoscenti. Attualmente, se uno viene scoperto, paga pesanti multe e il bene archeologico gli viene sequestrato. Un emendamento alla finanziaria, anche questo del Pdl, prevede invece che chi ne ha uno può autodenunciarsi, pagando una somma che comprende il diritto di possesso per 30 anni, eventualmente prorogabili per altri 30. Diritto anche trasmissibile nell'eredità. In termini semplici, se io ho una anfora greca, per esempio, pago quattro soldi e me la tengo per i prossimi 60 anni. E se non vivo abbastanza, della stessa se ne potrà godere mio figlio o mio nipote. E naturalmente questo porterà a grossi affari per i tombaroli, che daranno l'assalto a tutto ciò che è possibile, distruggendo ciò che non è facilmente commerciablizzabile e cancellando il nostro passato. Il tutto con quello che diventa iun grosso incentivo da parte del governo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©