Politica / Politica

Commenta Stampa

Uil: "Possibile trovare risorse cig con variazione bilancio"

Niente soldi per le Cig, allarme Cisl:"Rischio bomba sociale"

Mancano 1,5 miliardi di euro

Niente soldi per le Cig, allarme Cisl:'Rischio bomba sociale'
16/04/2013, 20:15

ROMA, 16 APR - «Abbiamo l'impressione che il governo stia sottovalutando l'emergenza che sta vivendo il Paese. Ci aspettiamo una maggiore consapevolezza della gravità della situazione. Abbiamo chiesto l'impegno e la disponibilità a reperire urgentemente le risorse per chiudere la coda del 2012 e per la copertura integrale del 2013», con lo stanziamento «di 1,5 miliardi di euro» per «disinnescare una vera e propria bomba sociale». Lo ha detto il segretario confederale della Cisl, Luigi Sbarra, al termine dell'incontro delle parti sociali con il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, sulle risorse per la cig in deroga. La stima, ha proseguito Sbarra, «è basata sulla spesa dello scorso anno e sull'evoluzione negativa della situazione economica. Tutte le parti sociali presenti all'incontro, preso atto dell'emergenza, hanno chiesto al ministro Fornero di spostare il tavolo presso la presidenza del Consiglio anche alla presenza del ministro dell'Economia». Per il quale «aspettiamo già dalle prossime ore la data» della convocazione. «Complessivamente - ha concluso Sbarra - siamo delusi dall'insensibilità che il Governo sta dimostrando verso un'emergenza sociale di tali dimensioni, che coinvolge oltre 500 mila lavoratori».

Per la cassa integrazione in deroga c'è «un problema di copertura di 1,4-1,5 miliardi» per il 2013, che è una cifra «importante ma non impossibile da trovare» per «garantire serenità» a tutti i lavoratori e le imprese privi di altre forme di sostegno al reddito. Così il segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy, al termine dell'incontro con il ministro Fornero. Si può intervenire con «una variazione al bilancio 2013 e questo lo può fare solo la presidenza del Consiglio», ha detto Loy, riferendo che all'inizio della prossima settimana dovrebbe essere convocato il tavolo a Palazzo Chigi. «Non c'è un rinvio al prossimo governo. C'è l'impegno a far sì che sia il governo nella sua interezza a trovare una soluzione sulle risorse» e quindi ad affrontare un problema «socialmente rilevante»

 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©