Politica / Politica

Commenta Stampa

Non è ancora terminato l’elenco dei querelati dal Coisp

Ne fa parte anche il Capogruppo del PD francesco Critelli

Non è ancora terminato l’elenco dei querelati dal Coisp
19/06/2013, 09:59

“Battersi una vita intera per la difesa della legalità, e per la tutela di chi la garantisce agli altri, con tutti i sacrifici che ciò comporta, con tutti i mal di pancia, con tutte le responsabilità morali, emotive, legali e quant’altro e poi… dovremmo lasciare che qualcuno osi accusarci tranquillamente di ‘esaltare l’illegalità’? Tanto varrebbe raccogliere armi e bagagli e lasciare il nostro altissimo incarico di difendere la categoria che ci onoriamo di rappresentare. Non consentiamo a chicchessia di mettere in discussione il nostro senso delle Istituzioni ed il rispetto sacro che nutriamo per le regole e per gli altri, mentendo spudoratamente pur di passare per fasulli difensori di principi di cui, in realtà, non ci si preoccupa affatto. E non hanno dimostrato nulla di diverso gli esimi esponenti politici che, pur di guadagnarsi due righe sul giornale, hanno sputato veleno e giudizi completamente campati in aria, contestandoci di non essere democratici e di non avere rispetto. Ma da che pulpito dovremmo ascoltare la predica? Da chi non concepisce che noi legittimamente, correttamente e legalmente manifestiamo non certo per calpestare sentenze o inneggiare alla violenza, ma per chiedere l’applicazione della legge ai colleghi, anche se sono poliziotti? Sarebbe ridicolo se non fosse tragico. E’ decisamente il caso che ciascuno si assuma le proprie responsabilità, anche di fronte all’Autorità giudiziaria”.   

Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, seguita a dare conto delle varie querele sporte a seguito delle aggressioni subite dopo il sit-in svoltosi a Ferrara lo scorso 27 marzo, per lamentare la mancata applicazione dello svuota carceri ai colleghi condannati per omicidio colposo cui restavano da scontare sei mesi di pena, e lasciati in carcere nonostante la legge preveda che non debbano starci.

Denunce anche a cario del Capogruppo del PD al Consiglio Comunale di Bologna, Francesco Critelli e del Consigliere regionale dell’Emilia Romagna, Luciano Vecchi, il quale, interpellato dalle agenzie di stampa, ha fra l’altro accusato il Sindacato di aver scelto di “esaltare l’illegalità”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©