Politica / Regione

Commenta Stampa

Ecco le ultime delibere approvate

Nonostante la bufera, Caldoro va avanti


Nonostante la bufera, Caldoro va avanti
10/07/2010, 15:07

La Giunta regionale della Campania, presieduta da Stefano Caldoro, ha approvato le seguenti delibere.

Su proposta del presidente, è stato approvato il calendario venatorio per l’annata 2010 – 2011. La caccia sarà aperta dalla terza domenica di settembre al 31 gennaio 2011, con una preapertura per le specie quaglia e tortora nei giorni 1, 5, 8, 12 e 15 settembre.

E’ stato altresì istituito il Tavolo Verde per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, di cui faranno parte, tra gli altri, 2 rappresentanti per ciascuna delle organizzazioni professionali agricole più rappresentative a livello nazionale.

Sempre su proposta del presidente Caldoro e dell’assessore al Bilancio Giancane è stato disposto uno stanziamento per il pagamento di alcune mensilità, a partire da gennaio e febbraio 2010, alle farmacie convenzionate con la Asl 1.

Su proposta dell’assessore al Lavoro Nappi, è stata prorogata l’attività dei lavoratori socialmente utili a titolarità regionale. E’ stata revocata la delibera del 19 marzo 2010 sui Patti formativi locali, perché assunta nella fase preelettorale, per una valutazione successiva.

Su proposta dell’assessore alla protezione Civile Cosenza, è stata approvata la campagna antincendi boschivi per il 2010, con la pianificazione delle attività di protezione civile sul territorio per fronteggiare gli incendi.

Su proposta dell’assessore alle Risorse Umane Sommese, è stato nominato Giuseppe Carannante coordinatore dell’Area 3 e Agnese Borrelli componente esterno del Collegio medico regionale.

Infine, su proposta dell’assessore Cosenza sono stati approvati interventi urgenti a Guardia Sanframondi per lo svolgimento dell’evento religioso “Riti settennali di penitenza”, e concesso il permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi nel territorio delle province di Avellino e Benevento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©