Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Nuove risorse per il programma ‘Frutta nelle scuole’


Nuove risorse per il programma ‘Frutta nelle scuole’
30/03/2010, 15:03

 
“Esprimo soddisfazione per il successo segnato ieri dall’Italia a Bruxelles, perché è riuscita ad ottenere un incremento di risorse per il programma ‘Frutta nelle scuole’, oltre al raddoppio dei fondi già conseguito nei giorni scorsi. Con questi fondi aggiuntivi, pari a 730 mila euro circa, derivati dalla ridistribuzione di risorse non utilizzate da altri Paesi, potremo potenziare ulteriormente questa iniziativa, così utile per educare i bambini ad una alimentazione sana grazie ai buoni prodotti dei nostri territori, nelle scuole primarie italiane. L’assegnazione ulteriore premia la gestione del nostro Paese, che è riuscito a sfruttare appieno le potenzialità del programma comunitario, facendo registrare una distribuzione capillare della frutta e della verdura in moltissime scuole italiane.”
Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia ha commentato la notizia dell’incremento di risorse accordato ieri dal Comitato di gestione Frutta nelle scuole di Bruxelles all’Italia per ulteriori 730 mila euro, in quanto le risorse non utilizzate da altri Stati membri sono state ridistribuite ai Paesi con programmi già “attivi”.
“In questo modo – ha detto il Ministro – la quota comunitaria ulteriore assegnata all’Italia arriva a quota 11.418.947 di euro,   più che raddoppiando il plafond di base, che ammontava a 9.521.200 di euro. Si avranno quindi a disposizione, complessivamente, per il periodo 1° agosto 2010-31 luglio 2011, risorse comunitarie per 20,94 milioni di euro. Sommando a queste i 15,16 milioni di euro di cofinanziamento nazionale, si arriva a 36,1 milioni di euro per l’intero programma nazionale.”
 
“Voglio sottolineare che questo programmo oltre ad essere importante per l’educazione alimentare dei nostri bambini crea nuovi sbocchi per lo sviluppo del settore ortofrutticolo italiano, filiera che coinvolge tutte le Regioni della nostra penisola”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©