Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La maggioranza: "Ci equipariamo agli altri Paesi europei"

Nuovo ddl: Deputati a 18 anni, Senatori a 25


Nuovo ddl: Deputati a 18 anni, Senatori a 25
15/04/2011, 15:04

ROMA – Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta dei ministri Giorgia Meloni e Roberto Calderoli, un disegno di legge alla Carta fondamentale, che contiene modifiche il cui obiettivo è quello di incrementare e rendere più effettiva la partecipazione dei giovani alla vita politica. Quando il complesso iter di approvazione del ddl sarà perfezionato, ci sarà l’equiparazione del requisito anagrafico per l’elettorato attivo e passivo. In altre parole, ci sarà la possibilità di diventare Deputati a 18 anni e Senatori a 25 anni. Intento del disegno di legge, assicurano fonti parlamentari, oltre ad essere quello di avvicinare i giovani alla politica, è anche quello di accelerare il ricambio generazionale all’interno delle Istituzioni. In che modo? Favorendo una strategia in favore delle generazioni più giovani, per far si che non si limiti ad interventi episodici, ma sia il volano per una reale trasformazione culturale nel Paese.
L’approvazione in Cdm del disegno di legge costituzionale è stato salutato con favore dal ministro della Giustizia Angelino Alfano: il testo proposto, per il Guardasigilli, è apprezzabile per il semplice fatto che prevede il livellamento dell’età dell’elettorato passivo (poter essere eletti) per Camera e Senato a quella dell’elettorato attivo (poter votare). In questo modo, assicura Alfano, il nostro Paese “si allinea a tutti gli altri Paesi europei”. Parere condiviso dai più nei banchi della maggioranza del governo, che vedono in ciò una valida iniziativa “per allargare la partecipazione delle giovani generazioni alla vita sociale e alla politica, adeguando la nostra Costituzione all’Europa”. Con questo disegno di legge, sul quale l’auspicio della maggioranza è che possa essere approvato in tempi rapidi, assicurano parlamentari e ministri intende valorizzare il ruolo dei giovani nella nostra società.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©

Correlati