Politica / Regione

Commenta Stampa

Nuovo PSI, replica a assessore Riccio su accoglienza profughi lampedusa


Nuovo PSI,  replica a assessore Riccio su accoglienza profughi lampedusa
26/03/2011, 11:03

“Non posso non chiedermi chissà quali conigli sarebbe riuscito a tirar fuori dal suo cilindro magico l’assessore Riccio per risolvere la grave emergenza profughi in Italia. E’ vero che in campagna elettorale è certamente più facile sparare sulla Croce Rossa che proporre alternative, tuttavia per salire in cattedra a dare lezioni bisognerebbe avere i titoli. E, visto che, stando alle condizioni in cui vivono i rom e gli extracomunitari a Napoli, l’esponente della giunta di centrosinistra è un vero esperto di lager, ci dica almeno se le strutture d’accoglienza dei rom per i quali il governo Berlusconi ha stanziato circa 12 milioni di euro e che a visto a Roma il ‘fascista’ Alemanno inaugurarne almeno una, ha individuato in maniera chiara e definitiva le aree nelle quali dovranno sorgere. Ci dica se ha proceduro la censimento e se il Comune ha fatto la sua parte perché, per dare un luogo dignitoso e sicuro ai rom, non si perdesse tempo prezioso”.

Così il capogruppo del Nuovo Psi del Consiglio Comunale di Napoli, Domenico Palmieri, che aggiunge:

“Quanto all’utilizzo delle caserme di Miano per realizzare un centro di prima accoglienza che graverebbe peraltro anche sui quartieri si Scampia e Secondigliano – ha aggiunto Palmieri – esiste solo un problema di compatibilità che, purtroppo, non mi pare risolvibile nell’immediato e sappiamo chi ringraziare”.

“Per quelle aree infatti, - conclude - in tutti questi anni non è mai stata operata nessuna scelta chiara e definitiva, se si eccettuano alcune ipotesi relative all’allestimento di un campo rom o alla possibliltà di mettere in piedi un futuristico Parco divertimenti”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©