Politica / Napoli

Commenta Stampa

Occupyscampia, don Minervino: "Scampia non può diventare sinonimo di bronx"


Occupyscampia, don Minervino: 'Scampia non può diventare sinonimo di bronx'
04/02/2012, 10:02

“Apprezziamo l’interesse nazionale verso Scampia che si è sviluppato su Internet, a condizione che non sia occasionale e strumentalizzato. La parola Scampia non può diventare sinonimo di bronx, come se qui fosse concentrato soltanto il male; altrimenti sarà difficile organizzare la speranza”. Sono parole di don Francesco Minervino, decano delle parrocchie di Scampia, in riferimento alla mobilitazione che si tiene oggi nel quartiere napoletano “OccupyScampia” per il presunto coprifuoco imposto dalla camorra. “A Scampia – precisa il decano - si lotta 365 giorni l’anno e senza clamore! Fatica e tenacia sono la vera forza dei cittadini di questo quartiere! Il peso della disinformazione e lo sciacallaggio mediatico schiaccia le risorse vitali del territorio”. Secondo don Minervino, “chi non vive i nostri quartieri, non può raccontarli per sentito dire. È fatto noto che nell’area nord di Napoli è in atto un assestamento tra poteri camorristici locali”, ma, conclude il decano, “la guerra contro la camorra – perché di guerra si tratta – la si combatte ogni giorno”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©