Politica / Regione

Commenta Stampa

L'astensione non penalizza solo il centro sinistra

Ochiello e Incostante: "I giochi non sono ancora chiusi"


Ochiello e Incostante: 'I giochi non sono ancora chiusi'
29/03/2010, 17:03

"Negli anni passati gli exit poll hanno dimostrato di sbagliare clamorasamente - ha detto Gianni Occhiello, candidato al consiglio regionele Idv - quindi i giochi non sono ancora fatti. Il dato sui cui si può discutere è quello del calo dell'affluenza degli elettori. Emerge la sfiducia nella politica che non si fa capire più al cittadino. E' una politica poco attenta ai problemi della gente. Il dato è in linea con quello nazionale". Sulla stessa lunghezza d'onda Maria Fortuna Incostante: "Il dato dell'astensione è allarmante. Questo dato non si può strumentalizzare, nè da una parte, nè dall'altra, riguarda tutt'Italia, perchè la politica non soddisfa più le esigenze dei cittadini. Credo che questo sia anche dovuto all'attuale crisi del governo centrale, come pure ad al alcuni nostri errori nelle zone in cui abbiamo governato. Non escludo che ci siano elementi di criticità, pero dire che il dato dell'astensionismo non è nazionale, come afferma qualche esponente del Pdl, è falso. Siamo partiti da una distanza fortissima tra le due coalizioni, adesso le cose sono migliorate e i dati potrebbero essero ribaltati. La politica deve essere credibile e risolvere i problemi dei cittadini, soprattutto nelle nostre zone".
AGGIORNAMENTI
ore 17.15
Dal comitato di De Luca il primo commento arriva da Francesco Maselli del Pd, il candidato più giovane: "Per il momento ci sono tre punti percentuale di vantaggio di Caldoro. Credo che sia un dato ancora recuperabile. Al di là di tutto, De Luca ha aperto un nuovo ciclo politico ed è su questo che dobbiamo puntare".

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©