Politica / Regione

Commenta Stampa

L'assessore festeggia il suo compleanno al Lanificio 25

Oddati (Pd): giovani e cultura nel programma elettorale


.

Oddati (Pd): giovani e cultura nel programma elettorale
01/09/2010, 16:09

NAPOLI – Il Forum delle Culture del 2013. Un rapporto più stretto con i cittadini. L’interesse verso i giovani, nel segno del rinnovamento. Sono questi i punti principali su cui Nicola Oddati si concentrerebbe qualora fosse eletto sindaco di Napoli.
Solo un’ipotesi, al momento, che tuttavia presuppone un impegno certo e deciso fin dalle prime battute. Impegno che l’attuale assessore comunale alla Cultura intende prendere senza se e senza ma. A parlarne è lui stesso, durante la festa organizzata al Lanificio 25 di piazza Enrico De Nicola per il suo 46esimo compleanno, alla quale hanno preso parte simpatizzanti e soprattutto amici: Valeria Valente, Giulio Riccio, Tino Santangelo, solo per citarne alcuni. Tutti accomunati dalla simpatia, e soprattutto dalla stima, verso un uomo che ha iniziato la sua ascesa molto presto, considerato che sono già quasi dieci anni che, tra un incarico e l’altro, siede tra le fila della politica campana.
“Vogliamo cambiare questa città per farci crescere i nostri figli”, è l’appello lanciato nel corso della serata (bagnata e forse, presumibilmente, fortunata). E per dimostrare concretamente che la voce dei cittadini è quella più importante, ecco che su un tavolino campeggiano due urne, nelle quali ciascuno può inserire un pensiero, una frase o un’idea per ridare lustro alla città. Un’iniziativa nuova, che ha accolto i favori di molti dei presenti. A qualcun’altro, però, tra cui il suo diretto avversario Umberto Ranieri, la scelta di fare un brindisi “pre-elezioni” non è piaciuta. Secca la risposta di Oddati: “Ognuno agisce come meglio crede, ci attende una sfida importante ma tutto andrà per il meglio”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©