Politica / Politica

Commenta Stampa

Soddisfatto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio

Online i redditi dei ministri, prima la Cancellieri

Mancano i dati sui patrimoni dei parenti di alcuni ministri

Online i redditi dei ministri, prima la Cancellieri
28/07/2013, 12:36

ROMA - E’ stato pubblicato l’elenco con i redditi dei ministri del governo Letta e in testa alla classifica c’è il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, con un reddito imponibile di 319.170 euro. Ultima in classifica, invece, il ministro dell’Integrazione Cecile Kyenge, che ha dichiarato un reddito pari a 38.538 euro. Il premier Enrico Letta si piazza al decimo posto, con un reddito di 123.893 euro, di poco al di sopra del vice premier Angelino Alfano, che ha dichiarato 106.616 euro. I redditi di tutti gli altri ministri sono visibili sul portale di Palazzo Chigi.

Restano, tuttavia, delle perplessità circa la trasparenza delle dichiarazioni. Non tutti i ministri, infatti, hanno pubblicato le situazioni patrimoniali dei coniugi e dei parenti più prossimi. Alcuni di essi si sono limitati ad elencare quanto sia in loro possesso, negando il consenso alla pubblicazione dei dati dei propri parenti. Il premier Letta, inoltre, ha pubblicato il proprio Cud ma non ha fornito informazioni relative alla propria situazione patrimoniale. Ad ogni modo, tutti i ministri hanno ottemperato all’obbligo di legge, evitando che scattasse la sanzione dai 500 ai 10mila euro prevista in caso di omissione, con relativa pubblicazione su internet.

Si è detto “molto soddisfatto” per l’andamento dell’operazione trasparenza il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi, il quale, da ministro della Funzione pubblica dell’esecutivo Monti scisse la disposizione dell’operazione “trasparenza totale”. Il sottosegretario stesso ha pubblicato, oltre alla propria dichiarazione patrimoniale, anche quella dei suoi quattro fratelli, di sua madre e dei due figli, adempiendo a pieno alle disposizioni dell’operazione.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©