Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il premier grande assente alla Conferenza sulla Famiglia

Orlando (Idv): "Berlusconi non rappresenta più nessuno"


Orlando (Idv): 'Berlusconi non rappresenta più nessuno'
05/11/2010, 21:11

ROMA – Ennesimo fallimento di un Governo ormai allo sbando. Queste le parole di Leoluca Orlando, portavoce dell’Italia dei Valori, che ha così commentato l’assenza del premier Silvio Berlusconi alla Conferenza sulla Famiglia. “ Deve fare una cosa sola: rassegnare le dimissioni perché ormai non rappresenta più nessuno", ha aggiunto Orlando, che ha poi rincarato la dose: “Il presidente del Consiglio non ha i requisiti morali per rappresentarne i valori e per discuterne".
Al posto del Cavaliere, all’ incontro che si terrà dall’ 8 al 10 novembre prossimi ci sarà il sottosegretario alla Presidenza dei Ministri Carlo Giovanardi, che aprirà i lavori della Conferenza.
La decisione è arrivata dopo la tempesta scatenatasi nei giorni scorsi a causa delle presunte relazioni di Berlusconi con Ruby e con diverse “escort”: a seguito di tali rivelazioni, diverse associazioni avevano manifestato il loro imbarazzo sull’eventuale presenza del premier alla Conferenza. Nonostante questo, sia Giovanardi che il sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella, intervistati ieri, avevano detto che la presenza del presidente del Consiglio fosse “doverosa”.”L'unica cosa che può imbarazzare chi sostiene la famiglia sono le prese di posizione e gli attivismi dei politici contro l'accoglienza della vita” – aveva aggiunto la Roccella –“a favore dei matrimoni omosessuali e delle adozioni da parte di coppie gay, per la fecondazione eterologa, le pillole abortive e l'introduzione dell'eutanasia, ovvero tutti i provvedimenti che indeboliscono la cultura della vita e la famiglia descritta dalla nostra Costituzione". Oggi, però, la decisione definitiva del Consiglio dei Ministri: Berlusconi non ci sarà.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©