Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Per lui niente funzione e niente stipendio da magistrato

P4: Alfonso Papa sospeso in via cautelare dal Csm

L’ex pm: “Sono tranquillo e sicuro della mia innocenza”

P4: Alfonso Papa sospeso in via cautelare dal Csm
16/07/2011, 11:07

ROMA – Nuova tegola per Alfonso Papa. La sezione disciplinare del Consiglio superiore della Magistratura, dopo un’ora di camera di consiglio, ha deciso di sospenderlo in via cautelare dalle funzioni e dallo stipendio di magistrato. Papa, attualmente parlamentare del Pdl, è coinvolto nell’inchiesta della Procura di Napoli sulla cosiddetta P4 e proprio ieri la Giunta per le autorizzazioni della Camera ha dato il via libera alla richiesta di arresto nei suoi confronti. In realtà il deputato pidiellino è già fuori ruolo dalla Magistratura, in quanto in aspettativa per svolgere le funzioni della sua carica di parlamentare. Con la decisione adottata dal Csm, qualora dovesse decidere di dimettersi da parlamentare, Papa non percepirà lo stipendio da magistrato. Tale decisione di sospenderlo dalla Magistratura allo stato attuale è solo in via cautelare: verrà presa in via definitiva dal Csm solo all’esito del processo penale che lo vede coinvolto.
L’ex magistrato, intanto, mentre si avvicina il voto definitivo di Montecitorio del 20 luglio, si dice pronto a lasciare il seggio alla Camera, se la richiesta arriverà dal suo partito. Ma soprattutto si prepara a conoscere il proprio destino: se dovesse finire in prigione assicura “sarà un'esperienza dolorosa e ingiustificata, ma la vivrò serenamente, consapevole della mia innocenza”. “Non sono accusato di percezione di denaro - puntualizza il deputato -, sono del tutto estraneo alle accuse che mi vengono rivolte” e “ansioso di potermi difendere nel processo e dimostrare attraverso il processo la verità dei fatti”. I suoi rapporti con Luigi Bisignani, sottolinea, erano “di assoluta cordialità”, ma “non abbiamo mai condiviso altro che una sincera amicizia priva di interessi”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©