Politica / Regione

Commenta Stampa

Paolo Romano replica a De Luca su presunta illegalità dell'ente regionale


Paolo Romano replica a De Luca su presunta illegalità dell'ente regionale
24/05/2011, 14:05

“Le affermazioni del sindaco di Salerno su di una sua presunta ‘illegalità’ del Consiglio regionale campano per la presenza di consiglieri con pendenze giudiziarie, oltre a testimoniare faziosità e scarso rispetto per le istituzioni, sono prive di fondamento e sostanza”.

Lo ha detto oggi il Presidente Consiglio regionale della Campania, Paolo Romano in ordine alle dichiarazioni rilasciate dal sindaco di Salerno Vincenzo De Luca nel corso della Trasmissione “Linea Notte” andata in onda nella tarda serata di ieri.

“I tre casi cui De Luca fa riferimento - ha aggiunto - Romano - non consentono in alcun modo ingenerose diffamazioni dell’ente regionale: la Giunta delle Elezioni, l’organismo deputato a trattare questi casi, ha lavorato intensamente applicando alla lettera quanto previsto dalle leggi e dalle disposizioni dei tribunali”.

“Relativamente ai tre consiglieri eletti in pendenza di problemi con la giustizia, di cui, allo stato, solo uno con condanna passata in giudicato e pertanto rimosso per legge dalla carica consiliare, - ha spiegato il presidente Romano - solo uno siede attualmente in Consiglio in applicazione delle leggi vigenti e comunque in attesa del giudizio di terzo grado. Nel caso dell’altro consigliere, la cui istruttoria è in corso, ho già annunciato nei giorni scorsi, che, relativamente ad un’inchiesta che lo riguarda e che vede il Consiglio Regionale parte lesa, questa Presidenza si andrà a costituire parte civile nel relativo procedimento”.

“Tanto dovevo - ha concluso - a tutela della dignità di un’istituzione legittimamente costituita che opera nel pieno e assoluto rispetto delle leggi, delle sentenze della magistratura e della legalità”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©