Politica / Napoli

Commenta Stampa

Parcheggi al Vomero, riunione della Commissione ambiente


Parcheggi al Vomero, riunione della Commissione ambiente
17/12/2011, 09:12

“ Finalmente anche l’amministrazione comunale partenopea, seppure in ritardo, attraverso la commissione ambiente, riunitasi sull’argomento in questi giorni, prende posizione in relazione alla realizzazione dei parcheggi privati su aree pubbliche nella zona collinare della Città “. E quanto afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione Vomero, fondatore su Facebook del gruppo “NAPOLI: LA COLLINA DICE BASTA CON CANTIERI E SCAVI “, che conta circa 600 iscritti ( http://www.facebook.com/group.php?gid=109104739125745 ).



“ Al Vomero al riguardo c’è sempre stata tensione, con un clima decisamente difficile che ha coinvolto residenti e commercianti fin dai tempi della gestione commissariale – continua Capodanno -. L’apertura di alcuni cantieri, come quelli in piazza Muzii, in via Paisiello e in via Andrea da Salerno, generò vivaci proteste, assestando peraltro l’ennesimo colpo alla già difficile viabilità. Inoltre furono palesate vivissime preoccupazioni, anche alla luce di quanto era già accaduto in passato per altre opere interrate, di danni che avrebbero potuto verificarsi alle strade e ai fabbricati adiacenti “.



“ Ho sempre reputato inopportuno – prosegue Capodanno – l’apertura di nuovi cantieri nell’area collinare della città che riguardassero il sottosuolo, in un’area già provata da scavi e realizzazioni di manufatti interrati. Al riguardo occorre continuare a coinvolgere in maniera permanente anche i residenti ed i commercianti delle zone interessate. Bisogna, in altre parole, approfondire ulteriormente il dialogo con i cittadini, la maggior parte dei quali non riceve alcun beneficio dall’apertura di questi cantieri privati che creano poche centinaia di posti per coloro che hanno la possibilità di acquistare un box investendo cifre che arrivano e qualche volta superano anche centomila euro, senza risolvere gli annosi problemi della sosta per i residenti in un’area che conta circa 120mila abitanti. Tutto ciò mentre permangono lustri di ritardo ingiustificato rispetto alla realizzazione di parcheggi pubblici, dei quali beneficerebbe l’intera collettività, come quello atteso da oltre 30 anni nell’area sottostante i viadotti della tangenziale in via Cilea “.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©