Politica / Politica

Commenta Stampa

Grasso:"Non si può senza stabilire maggioranza e opposizione

Parlamentari Pd: "Facciamo partire le Commissioni"


Parlamentari Pd: 'Facciamo partire le Commissioni'
06/04/2013, 11:57

ROMA - Brutta malattia la demagogia: si diffonde a macchia d'olio, trasformando le più ignobili sciocchezze in verità inconfutabili. 
E la dimostrazione avviene dal Pd. Nel tentativo di seguire la demagogia di Beppe Grillo, una trentina di deputati del Pd (si tratta di Boccuzzi, Bonafè, Bragantini, Capozzolo, Carrozza, Civati, Cominelli, D'Ottavio, De Caro, Di Maio, Fiorio, Gandolfi, Ginefra, Giuliani, Gribaudo, Iori, Madia, Nardella, Nardelli, Orfini, Paris, Pastorino, Piccoli, Pini, Raciti, Rocchi, Rotta, Rughetti, Zampa) hanno scritto una lettera ai Presidenti delle Camere, chiedendo di far partire l'attività delle Commissioni di esaminare i disegni di legge. Una proposta che va contro il regolamento delle due Camere, come fa notare il Presidente del Senato Piero Grasso: "Non si potranno convocare se prima non ci sarà la possibilità di distinguere tra maggioranza e opposizione. Questo non è possibile fino a quando non ci sarà un governo che ha la fiducia del Parlamento. Ho chiesto ai capigruppo la designazione dei membri delle commissioni permanenti. Queste designazioni stanno arrivando, ma le commissioni non si potranno convocare fino a quando ci sarà un governo che godrà di una sua maggioranza. Per ora andiamo avanti con la commissione speciale e se necessario faremo altre commissioni speciali".
Nè vale, come fanno diversi deputati, appellarsi alla "centralità del Parlamento":  senza un governo, l'attività del Parlamento non può che essere ridotta. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©