Parlamentarie M5S: le proteste degli esclusi - JulieNews - 1

Politica / Politica

Commenta Stampa

Si moltiplicano le proteste all'interno del partito

Parlamentarie M5S: le proteste degli esclusi


Parlamentarie M5S: le proteste degli esclusi
26/01/2018, 16:18

ROMA - Continuano le proteste verso Luigi Di Maio e Beppe Grillo - il primo nel ruolo di candidato alla Presidenza del Consiglio, il secondo nel ruolo di garante - da parte degli esclusi alle cosiddette "parlamentarie" del Movimento 5 Stelle. Oggi alle altre iniziative, alcune delle quali anche legali, si aggiunge una lettera da parte di 500 esclusi dalla Puglia che con l'hashtag #annullatetutto hanno scritto una lettera ai due chiedendo di annullare appunto le parlamentarie, per permettere loro di partecipare, dato che la loro partecipazione è stata impedita in modo non chiaro. Peccato che la trasparenza sia qualcosa di sconosciuto all'intreno del Movimento 5 Stelle. Sin dalla sua fondazione. 

Inoltre i 500 protestano per essere stati definiti dai vertici del partito "infiltrati, arrivisti, indegni, scalatori e poltronisti", cosa che lede la loro dignità e il loro onore. Ed è evidente che una lettera così predisposta prelude ad una causa legale, se non ci sarà una risposta soddisfacente. 

Intanto continuano le epurazioni di singoli candidati dalle liste elettorali. Nel collegio proporzionale Veneto 2 salta Gedorem Andreatta per essere sostituito da Giacomo Bortolan; nel collegio Lazio 2 salta Vittoria Baldino a favore di Angela Salafia; nel collegio Lazio 3 Salafia (che era candidata qui) viene sostituita da Chiara Morelli. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©