Politica / Regione

Commenta Stampa

Mancherebbero tre assessori, tra cui quello all'Urbanistica

Parma: la giunta Pizzarotti fa fatica a nascere


Parma: la giunta Pizzarotti fa fatica a nascere
12/06/2012, 10:06

PARMA - SI sta muovendo molto a rilento il nuovo sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, nel creare la sua giunta. Un mese non è bastato per scegliere tutti gli assessori. Finora sono state assegnate le deleghe all'Economia, all'Ambiente e alle Attività produttive. Ma per esempio risulta vacante un assessorato come quello dell'Urbanistica, che è uno degli assessorati cardine per un Comune.
Il tutto per una attività futura di cui comunque non si conoscono le linee guida, se si escludono alcuni punti base come la fine della costruzione dell'inceneritore (non a caso l'Assessore all'Ambiente è uno dei responsabili delle proteste contro l'inceneritore stesso). Un'attività che sarà anche pesantemente condizionata dai debiti lasciati in eredità dalla precedente disastrosa amministrazione targata Pdl: pare si arrivi a quasi 900 milioni. Che per un comune piccolo come quello di Parma non sono noccioline.
Naturalmente, c'è anche un altro dettaglio da considerare: chi sta facendo le scelte? Pizzarotti o la società Casaleggio, presso cui sono stati mandati i curricula degli aspiranti assessori? La domanda non è accademica: chi sceglie (o meglio, chi coopta) ha sempre un certo diritto a pretendere la restituzione del favore. E quindi Pizzarotti rischia di trovarsi prigioniero della propria giunta.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©