Politica / Politica

Commenta Stampa

Partito Società e Famiglia: "Inconcepibile che i deputati abbiano detto no al taglio dei costi della politica"


Partito Società e Famiglia: 'Inconcepibile che i deputati abbiano detto no al taglio dei costi della politica'
29/10/2012, 12:17

Il Partito Società e Famiglia si dissocia totalmente dall'incoerenza dimostrata ieri in Parlamento dall'attuale classe politica che ha respinto il decreto contenente tagli ai costi della politica. Si tratta di una decisione sconsiderata che contribuisce ancor più ad allontanare i cittadini dalla politica e a consegnarli al crescente sentimento di repulsione verso quanti - a vario livello ma con diverso impegno morale - si occupano della cosa pubblica. Agli occhi degli italiani alle prese con i morsi della crisi che colpisce famiglie e persone, la decisione di ieri contro le misure del decreto governativo (riduzione delle indennità e del numero di consiglieri regionali) suona come un segnale che la classe politica non han nessuna intenzione di cambiare metodo e di impegnarsi nella moralizzazione della vita pubblica in modo netto e deciso. Ne è una conferma l'ulteriore decisione di stoppare la retroattività del tetto alle detrazioni fiscali e bocciare la riduzione del Fondo sanitario nazionale di 600 milioni, disattendendo ancora una volta le attese dei cittadini che alla propria rappresentanza chiedono di saper condividere con loro sacrifici e rinunce.
Società e Famiglia ha programmi del tutto diversi, e giudica che per far ripartire il Paese bisogna far ripartire la fiducia degli italiani nelle loro possibilità e nella classe politica da cui si fa rappresentare. L'impegno del nuovo partito va perciò nella direzione di una profonda riorganizzazione della spesa pubblica, con l’abolizione dei costi inutili e degli sprechi. E nel contempo di una revisione profonda del welfare nazionale orientata a salvaguardare le fasce più deboli senza la pretesa di poter dare tutto a tutti. Per questo, senza ulteriore indugio, devono essere varate riforme incisive ed eque capaci di riavviare il nostro inceppato sistema economico. E devono scendere in campo forze fresche della Nazione: una nuova generazione di italiani talentuosa e onesta che aspetta solo di essere messa alla prova per dare il meglio di sé per il Bene dell'Italia. È anche per questo che il Partito Società e Famiglia si sta preparando a scendere in campo nei prossimi impegni elettorali, nel Lazio,  delineando, già da domenica prossima in un seminario organizzato a Roma, le linee guida e i programmi futuri. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©