Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Passariello: "La camorra dietro i reati ambientali di questi mesi"


Passariello: 'La camorra dietro i reati ambientali di questi mesi'
09/09/2009, 15:09


"Appare orami chiara la regia di stampo camorristico che ha guidato i tanti fatti criminosi, apparentemente slegati, che hanno contribuito a rovinare la stagione turistica campana, già compromessa dal ricordo ancora fresco dell’emergenza rifiuti, e da una crisi economica mondiale, senza precedenti.” lo afferma il Presidente della Commissione Anticamorra, on. Luciano Passariello. “Dalle notizie di questi ultimi mesi infatti è chiaro che – continua Passariello – nel mirino dei clan sono entrate le aree costiere che vanno da Cuma, Pozzuoli, fino a tutto il litorale di Caserta. Poichè lì nei prossimi anni Governo nazionale, Istituzioni locali ed investitori privati, punteranno l’attenzione per il rilancio turistico della Regione, è logico pensare che i clan mirino a deprezzare l’area, per poter acquistare proprietà a bassissimo costo, che poi entreranno nel circuito della ripresa prevista, consentendo grandi profitti.” “La denuncia che lancio – ha concluso Passariello, che annuncia una riunione urgente della Commissione da lui presieduta, per discutere del problema – ha lo scopo di allertare tutte le forze sane dello Stato, per esercitare subito, concretamente, una manovra di contrasto a questo scellerato disegno. Più volte in questa Regione, le Istituzioni sono state poco attente ai piccoli segnali, che hanno poi “magicamente” trovato risposte devastanti per il territorio e la popolazione. La Commissione Anticamorra, che presiedo, ha iniziato e quasi del tutto concluso un progetto denominato “Educazione alla Legalità”, che vede coinvolti Forze dell’ordine, Scuole, Chiesa e Regione. Con lo stesso meccanismo di coinvolgimento di tutte le parti sociali, vorrei che si potesse lavorare ad una proposta di legge che tuteli da rischi di infiltrazione delle attività economiche legate alla camorra, tutto il litorale campano, e lo blindi, sin da ora, circa la possibilità che sullo stesso si organizzino losche speculazioni.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©