Politica / Politica

Commenta Stampa

Il Ministro promette, ma le leggi non consentono di agire

Passera: "Lotta all'evasione". Ma con quali mezzi?


Passera: 'Lotta all'evasione'. Ma con quali mezzi?
19/12/2011, 09:12

ROMA - Domenica, ospite della trasmissione "Che tempo che fa", il MInistro allo Sviluppo Economico Corrado Passera ha rilasciato diverse dichiarazioni, riguardanti i futuri punti di azione del governo. In particolare, sconfessando le dichiarazioni rse dall'ex Ministro dell'Economia Giulio Tremonti, ha negato che ci sarà necessità di una nuova manovra economica, annunciando che invece verrà dato nuovo impulso alla lotta all'evasione. E in questo senso, ha aggiunto, ci sono le decisioni prese dal governo ed inserite nella manovra appena approvata alla Camera e in via di discussione al Senato.
Ma quali sono le manovre anti-evasione? Il limite di 1000 euro per i pagamenti in contanti, la possibilità di incrociare i dati delle dichiarazioni Isee con i movimenti sui conti correnti, e così via. Ma poi? Una volta trovati, come vengono sanzionati? Perchè è chiaro che parliamo nella stragrande maggioranza di casi di lavoratori autonomi, imprenditori ed artigiani. Cioè persone che in teoria possono evadere qualsiasi cifra, dato che si gestiscono la propria situazione fiscale da soli (al contrario dei lavoratori dipendenti e dei pensionati che hanno la ritenuta alla fonte). Ma i reati legati ai falsi bilanci sono puniti con pene irrisorie e quindi è impossibile o quasi arrivare a sentenza prima della prescrizione; le multe che la Guardia di Finanza eleva per questo motivo raramente vengono riscosse. Infatti, negli ultimi 10 anni solo il 2 per mille delle multe è stato effettivamente incassato. E questo dà la misura di come devono cambiare le leggi, per ottenere qualcosa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©