Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Inoltrata richiesta formale alla Commissione Europea

Patriciello (Pdl): "Cancellare debito di Haiti"


Patriciello (Pdl): 'Cancellare debito di Haiti'
28/01/2010, 11:01

BRUXELLES - Il terremoto di Haiti è stata una catastrofe naturale che ha aggravato ulteriormente la già drammatica situazione di uno dei popoli più poveri al mondo. Il paese del centro America è in ginocchio e la ripresa sarà lunga e lenta. Uno dei problemi che in futuro rischia di far sprofondare Haiti in una situazione economica estremamente grave è il debito nei confronti dei paesi esteri. Al riguardo l’eurodeputato del Pdl Aldo Patriciello ha inviato alla Commissione europea la richiesta di fare pressioni sui paesi dell’Ue affinché provvedano alla cancellazione del debito.
Oltre il 70% della popolazione di Haiti vive al di sotto della soglia di povertà, - ha affermato l’On. Patriciello – e sopravvive con meno di 2 dollari al giorno. La situazione umanitaria é diventata insostenibile a causa di ospedali crollati, della mancanza di personale medico e di medicinali. Finora il lavoro dei volontari è stato cruciale – ha continuato l’eurodeputato - ma, d’ora in avanti, materiali adeguati e preparazione specifica faranno la differenza”.
Già prima del drammatico evento sismico la Commissione europea era uno dei maggiori donatori di aiuti umanitari ad Haiti come testimoniato dal fatto che, per affrontare le conseguenze della stagione 2008 degli uragani, erano stati stanziati oltre 18,7 milioni di euro in aiuti umanitari. Sono, invece, in fase di realizzazione progetti umanitari pari a quasi 8 milioni di euro, di cui 7 milioni provenienti dal piano globale di aiuti umanitari 2009, il cui obiettivo principale è ridurre la malnutrizione e la mortalità.
“E’ vero che gli aiuti sono arrivati da tutto il mondo e, d’altra parte, la drammaticità delle immagini ha lasciato tutti noi sgomenti” ha sottolineato l’eurodeputato aggiungendo: “La stessa Commissione europea ha stanziato nei giorni scorsi 122 milioni di euro di aiuti. Ritengo, tuttavia, che sia necessario pensare anche al futuro. Per questo abbiamo rivolto alla Commissione europea un accorato appello affinché intervenga sui paesi membri dell´Ue rivolgendo ad essi la richiesta di cancellare il debito verso Haiti. Sarebbe opportuno, inoltre, - ha concluso l’On. Patriciello – organizzare un coordinamento europeo per l'invio di personale medico altamente specializzato nonché medicine, vaccini e strutture mobili capaci di assistere la popolazione. Al riguardo abbiamo inoltrato una

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©