Politica / Politica

Commenta Stampa

I firmatari sono vincolati al controllo sui conti pubblici

Patto di bilancio, arriva la firma dei 25 leader Ue

All'accordo non partecipano Gran Bretagna e Repubblica Ceca

Patto di bilancio, arriva la firma dei 25 leader Ue
02/03/2012, 17:03

ROMA – Dall’unione Europea arriva il via libera al patto di bilancio. I venticinque leader dell’Europa hanno, infatti, firmato il fiscal compact tranne Gran Bretagna e Repubblica Ceca.
Ora, i firmatari sono vincolati a un rigido controllo sui conti pubblici e al consolidamento fiscale: per ottenere un prestito un Paese membro dovrà averlo ratificato. Passa, dunque, la linea della cancelliera tedesca, Angela Merkel, secondo la quale per l'uscire dalla crisi e mantenere la coesione nell'Eurozona, bisogna controllare il deficit ed il debito. “Il fiscal compact - ha ribadito la Merkel - è una pietra miliare nella storia dell'Unione europea. Stiamo imparando la lezione della crisi, stiamo scommettendo sul futuro di un'Europa politicamente unita".
Entusiasmo è stato espresso anche dal presidente Ue, Herman Van Rompuy: “Sono molto fiducioso che gli Stati lo ratificheranno – ha fatto sapere - ora avete il compito di convincere i vostri Parlamenti”. Per l'Italia, ha apposto la sua firma il premier Mario Monti. E proprio sul Professore e sul suo lavoro nel nostro Paese è intervenuto il presidente francese, Nicolas Sarkozy: “ Il governo Monti ha preso decisioni che hanno permesso di abbassare le tensioni sui mercati. Per me la ricetta anticrisi è più crescita e meno disciplina di bilancio”.
Quanto alla bozza di conclusioni del vertice Ue a Bruxelles, pare che l'Unione Europea intende fa progredire i lavori per accelerare su Tobin tax, tassazione sull'energia, revisione della tassazione sui conti all'estero e tassazione comune delle società. Per monitorare la situazione, Commissione e Consiglio faranno rapporto sullo stato delle cose a giugno.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©