Politica / Regione

Commenta Stampa

PD: "assicurare un futuro produttivo al Cantiere di Castellammare di Stabia"


PD: 'assicurare un futuro produttivo al Cantiere di Castellammare di Stabia'
07/09/2012, 11:14

Si è svolta ieri Mercoledì 5 Settembre  la riunione di lavoro promossa dal Pd sul futuro del cantiere di Castellammare di Stabia.

La riunione che si è svolta presso la sede del Pd  di Castellammare di Stabia ha visto la partecipazione dei Parlamentari Teresa Armato e Luisa Bossa e dei consiglieri regionali  Antonio Amato,Mario Casillo e Antonio Marciano.Erano presenti dirigenti cittadini ,provinciali e regionali del PD e rappresentanti delle organizzazioni sindacali.

L’incontro introdotto dal segretario cittadino  Nicola Cuomo è stato caratterizzato dalla forte preoccupazione sul futuro del cantiere alla luce della posizione generica   e ondivaga della direzione di Fincantieri e della scarsa capacità di azione politica e amministrativa manifestata,in questi mesi,da Regione,Provincia e Comune.nei prossimi giorni vi sono scadenze importanti per l’applicazione del protocollo d’intesa frutto della battaglia dei lavoratori.

In particolare vi sono da compiere scelte impegnative rispetto alle ipotesi di ammodernamento industriale del cantiere.In particolare bisogna ,a parere del Pd,mantenere la vocazione produttiva e di polo di costruzione del cantiere come elemento indispensabile per mantenere i livelli occupazionali nello stabilimento e nell’indotto.Inoltre bisogna far si che si mantengano le forme di sostegno al reddito dei lavoratori del cantiere e dell’indotto.Nel corso dell’ incontro la senatrice Armato ha ribadito che questa priorità produttiva è stata ribadita ieri mattina da Lei al ministro Passera in Senato.

Il PD oltre a seguire gli sviluppi degli incontri istituzionali e tecnici del 7 e del 17 settembre e sollecitare una proroga degli strumenti di sostegno al reddito.

Il Pd  promuoverà,a Castellammare di Stabia un appuntamento nazionale sul futuro della cantieristica e sul valore che essa ha per la Campania entro la metà di Ottobre.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©