Politica / Politica

Commenta Stampa

Appuntamento alle 18. E' prima direzione Epifani

PD, attesa per la direzione nazionale di domani

All'ordine nomina organismi segreteria e primarie

PD, attesa per la direzione nazionale di domani
03/06/2013, 20:12

ROMA - C’è attesa per la riunione di domani della direzione nazionale del Partito Democratico. L’appuntamento è fissato alle 18. Sarà la prima direzione guidata da Guglielmo Epifani che da poco regge la segreteria del partito. All’ordine del giorno temi delicati quali l’organizzazione interna della segreteria e le regole per le prossime primarie per scegliere la figura del segretario.A seguito delle dimissioni di Pier Luigi Bersani, nelle stanze di via del Nazareno mancano organismi di vertice che affianchino il segretario. La squadra sarà presentata domani: una segreteria snella, forse meno di dieci nomi, nella quale saranno rappresentate le diverse correnti del partito, sempre in graduale crescita nel Pd. Sarà importante misurare nella divisione degli organismi la percentuale  delle aree che verranno scelte, con un occhio di particolare ai renziani, in forte crescita numerica dopo l’uscita di scena di Bersani. Ma, a quanto si apprende, non spetterebbe agli uomini vicini al sindaco di Firenze la casella del responsabile dell’organizzazione: chiesto inizialmente per Luca Lotti, quel ruolo sarebbe destinato invece a un dirigente vicino al segretario (forse Davide Zoggia), mentre un renziano (si fa il nome di Angelo Rughetti) potrebbe andare ad occuparsi di enti locali.

Oltre ai membri della segreteria, Epifani sta finendo di stilare l’elenco dei componenti di un comitato politico, che sostituirà il precedente comitato di saggi e che avrà il compito di istruire il prossimo congresso che dovrà eleggere un nuovo segretario.  Nel Pd sono in molti a voler modificare il regolamento che individua attualmente nella figura del segretario anche il candidato presidente del Consiglio. L’idea è quella di separare i due ruoli, scegliendo figure diverse. Ipotesi caldeggiata soprattutto dai renziani, il cui leader Renzi non ha finora manifestato nessun interesse ad occuparsi della segreteria politica del partito. 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©