Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Lega: "Meglio le elezioni che la paralisi"

PD: "Bossi ci farà votare quando sarà sicuro per sè"


PD: 'Bossi ci farà votare quando sarà sicuro per sè'
18/08/2010, 21:08

Per l'europarlamentare del Pd Debora Serracchiani ''siamo di fronte a una crisi annunciata e auspicata ma purtroppo ancora non consumata'', e questo perche' ''sara' Bossi a decidere se o quando andremo a votare''. ''Il balletto estivo delle dichiarazioni - ha osservato Serracchiani - nasconde una grande incertezza all'interno del centrodestra e contemporaneamente rivela il suo cinico disinteresse per il Paese: le riforme valgono solo come banco di prova della fedelta' al Capo, il federalismo come contromarca da presentare alle elezioni, mentre i lavoratori e gli imprenditori colpiti dalla crisi e' come fossero scomparsi''.
''Non temo le elezioni, temo di piu' tre anni di paralisi'': cosi' Umberto Bossi, stasera, sulla prospettiva di un voto imminente. L'esponente leghista ha detto pero': ''non decido io la data delle elezioni: sono solo uno di quelli che andra' dal presidente della Repubblica e gli dira' che, piuttosto che vivacchiare, e' meglio andare alle urne''.
''E comunque - ha ribadito - i voti della Lega non sono a disposizione per un governo tecnico''.
Secondo Serracchiani ''se andremo al voto anticipato questa volta al centrodestra non basteranno gli slogan per ipnotizzare gli italiani, e a maggior ragione la proposta del Pd deve essere fin da ora concreta, univoca e comprensibile, soprattutto se vogliamo essere competitivi al nord, dove il presidio leghista e' fortissimo e probabilmente in espansione''.
''Dobbiamo infatti chiederci - ha proseguito Serracchiani - se il centrosinistra puo' rassegnarsi a guardare la Lega come l'ago della bilancia della politica italiana, perche' sara' Bossi a decidere se o quando andremo a votare, e lo fara' - ha concluso - nel momento in cui sara' certo del suo massimo tornaconto''.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©

Correlati