Politica / Napoli

Commenta Stampa

Cancellieri, D'Alema: Renzi doveva parlare prima

Pd, D'Alema: Renzi ci fa vincere? Ma non ci sono le elezioni

Pd, D'Alema: su tesseramento attacco politico con menzogne

Pd, D'Alema: Renzi ci fa vincere? Ma non ci sono le elezioni
08/11/2013, 13:58

NAPOLI - Il presidente della Fondazione Italianieuropei, Massimo D'Alema, è a Napoli per la Conferenza di presentazione della Summer School di Italianieuropei che si svolgerà in primavera ad Ascea (Sa). 

"Il caso Cancellieri è chiuso, se Renzi voleva incidere doveva dirlo prima del voto parlamentare". Lo ha detto Massimo D'Alema commentando le frasi del sindaco di Firenze sul ministro della giustizia per il caso Ligresti. "Il parlamento - ha detto D'Alema - ha ribadito la sua fiducia al ministro e quindi il caso Cancellieri è chiuso. Certo rimangono aspetti sgradevoli, capisco l'osservazione di Renzi ma è retroattiva. Dirlo dopo ha solo un sapore polemico".

''Sul tesseramento del Pd ci sono stati episodi gravi in alcune zone ma non in tutta Italia. Su questo tema c'è una campagna di disinformazione, un attacco politico verso di noi portato avanti con menzogne''. Lo ha detto Massimo D'Alema commentando a Napoli le polemiche sul tesseramento del Pd. L'ex premier sottolinea che ''C'è una serie di episodi - dice - che nascono da una regola assurda che ha favorito abusi e rigonfiamenti ed era chiaramente sbagliata''.

''Io - aggiunge D'Alema - l'avevo detto anche prima che potersi iscrivere fino al momento del voto era un'idea sbagliata. Però ci è stata imposta da quegli stessi giornali che ora ci accusano, perché altrimenti ci avrebbero accusato di essere chiusi''. ''Abbiamo sempre avuto una regola ragionevole - ha concluso - e cioè che votavano solo gli iscritti fino a una certa data, punto e basta, così non avremmo avuto questi episodi''.

''Tutte le conversioni al renzismo si basano su un gigantesco equivoco, quello che stiamo facendo le primarie per il candidato alle elezioni politiche. Ma non è così, prima di tutto perché non ci sono le elezioni in programma''. Lo ha detto Massimo D'Alema risponendo a Napoli alle domande dei giornalisti sulle dichiarazioni dell'ex governatore Bassolino che ha detto di appoggiare il sindaco di Firenze.

Quando Renzi parla di elezioni ''può darsi esprima in modo subliminale - spiega D'Alema - un suo desiderio, ma c'è un governo che ha una maggioranza e mi pare di capire che sia anche indipendente da Berlusconi, che se anche vota contro il governo va avanti. Finchè c'è un governo che ha un programma, ha la ferma intenzione di andare avanti, ha scadenze impegnative come la presidenza europea, e ha una maggioranza, vuol dire che non ci sono le elezioni indipendentemente da quello che dice Renzi. Se ne faccia una ragione''. ''Non so quindi cosa possa farci vincere Renzi - prosegue l'ex primo ministro - lui vorrebbe far vincere il campionato alla Fiorentina ma credo che non ce la farà. Per il resto abbiamo un governo presieduto da un esponente del nostro partito e ora bisogno di un segretario del partito, cosa che penso Cuperlo possa fare molto meglio di Renzi che come segretario è una totale incognita, come candidato è un aspirante e bisognerà vedere se reggerà gli anni di attesa che potrebbero essere lunghi e logoranti''.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©