Politica / Regione

Commenta Stampa

Pd e Verdi: "Cesaro pensa a meteorine e elimina defibrillatore da spiagge"


Pd e Verdi: 'Cesaro pensa a meteorine e elimina defibrillatore da spiagge'
12/07/2010, 16:07

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato firmato dalla Federazione Nazionale Verdi


NAPOLI - "Il Presidente della Provincia Cesaro sta smantellando definitivamente il
servizio della Protezione civile - denunciano il capogruppo alla provincia di
Napoli Pino Capasso ed il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio
Borrelli - mettendo a rischio anche la salute dei cittadini. E' incredibile che
ad oggi l' ente di P.zza Matteotti non abbia ancora acquistato le nuove placche
per i 100 defibrillatori distribuiti nei lidi balneari di Napoli e provincia che
fungono anche da presidi sanitari in caso di emergenza. Eravamo la provincia
all' avanguardia in questo settore invidiata e presa d' esempio in tutta Italia.
Adesso invece il Presidente dei balneatori Mario Morra, in piena estate, è
costretto a scrivere per chiedere se i defibrillatori posizionati per il pronto
intervento devono essere restiruiti ed il servizio dismesso".
"Ho deciso di chiedere un consiglio monotematico - continua Capasso - sul tema
della Protezione civile in provincia. Se un cittadino questa estate starà male
su una spiaggia e i defibrillatori non saranno utilizzabili con chi dovremo
prendercela con Cesaro e le sue "meteorine"? Mi lascia anche perplesso che il
Presidente nell' ultimo rimpasto abbia avocato a se queste delicate deleghe.
Oramai Cesaro gestisce circa il 50% delle deleghe e dei fondi dell' ente oltre a
fare il deputato ed il segretario provinciale del Pdl".
"Per non parlare di una gara d' appalto - spiega Borrelli, che è stato assessore
alla protezione civile nella precedente giunta - per i carrelli polifunzionali (
con attrezzature per il pronto intervento) da dare in comodato d' uso alle
associazioni di protezione civile aggiudicata nel 2008 per un valore di 600.000
euro. Sono passati due anni ed i volontari non hanno ricevuto nulla. Perchè? E'
assurdo annientare la protezione civile su un territorio come il nostro".


"Defibrillatori, servizio antincendio, pronto intervento - concludono Capasso e
Borrelli - il Presidente Casaro sta eliminando tutti i servizi per la sicurezza
ed il sostegno ai cittadini che pagheranno un prezzo altissimo a causa di questa
gestione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©