Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Bocciata una proposta sulla legge per punire l'omofobia

Pdl a favore dell'omofobia, la Carfagna: "Voterò con l'opposizione"


Pdl a favore dell'omofobia, la Carfagna: 'Voterò con l'opposizione'
18/05/2011, 15:05

ROMA - Ancora uno stop per la legge contro l'omofobia, che il Pd sta cercando di far approvare dall'inizio della legislatura. Anche questa volta lo stop è in commissione Giustizia, dove i democratici hanno presentato una proposta di mediazione, in cui non viene istituito un reato specifico, ma vengono inserite nel Codice Penali solo delle aggravanti. Una soluzione poco efficace (solitamente vengono concesse le attenuanti generiche che assorbono le aggravanti, nei processi) ma molto vicina a ciò che viene fatto in Europa. Ma neanche questo è bastato: la maggioranza ha votato compatta contro questa legge, insieme a due dei deputati dell'Udc (Luisa Santolini e Roberto Rao). In totale 26 voti contrari alla legge, 17 a favore.
Di conseguenza adesso la discussione torna sulla proposta di legge a prima firma Antonello Soro, che verrà portata in aula il prossimo 23 maggio. Ma la maggioranza intende bloccare anche questo disegno, asserendo che già in passato è stata votata la pregiudiziale di incostituzionalità. Versione smentita dai proponenti, che fanno presente che il nuovo testo, presentato da Paola Concia, deputata del Pd, parla espressamente di omofobia e transfobia.
Ma il comportamento di Pdl e Lega provoca il malcontento anche di Mara Carfagna, Ministro delle Pari Opportunità: "Il Popolo della libertà, col voto di oggi in Commissione, ha perso un'occasione. Il testo, infatti, non prevedeva il reato di omofobia, ma introduceva aggravanti per i reati commessi a scopo discriminatorio; una norma di stampo europeo. Voterò a favore del provvedimento non appena arriverà in Aula".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©