Politica / Politica

Commenta Stampa

Pdl: Gasparri, unità d’intenti e idee chiare e condivise


.

Pdl: Gasparri, unità d’intenti e idee chiare e condivise
29/09/2012, 13:12

NAPOLI – Sessanta anni d’informazione libera, oltre mezzo secolo di rotativa per il Secolo d’Italia, il Quotidiano della destra italiana divenuto oggi un po il giornale di tutti, fogli d’informazioni che di pilotato hanno solo gli spazi e le interlinee. A festeggiare questo traguardo giunge a Napoli anche uno dei redattori storici del quotidiano di Giorgio Almirante, Maurizio Gasparri, presidente dei senatori del Pdl, ed ex ministro delle Comunicazioni. Gasparri giunge proprio nel momento delle divisioni e dei contrasti nel partito a livello regionale, con velleità di ricucire le fratture tra i ‘cosentiniani’ e la fazione che fa capo a Fulvio Martusciello. E l’assenza della componente ex Forza Italia si sente e si vede, e il presidente del gruppo Pdl in Senato se ne accorge e invita tutti a quel dialogo che dovrebbe essere alla base della convivenza democratica in una compagine partitica. Ma l’importante, in questo frangente storico è arginare le velleità romane di Matteo Renzi, come anche le urla sconfusionate di Beppe Grillo, il promotore dell’antipolitica per antonomasia che insieme al quanto mai improbabile Movimento Arancione di Luigi de Magistris si accinge ad intercettare i voti di tutte quelle persone deluse dalla politica. Partendo dalle Municipalità l’unità degli intenti e le idee condivise rappresentano la strada maestra per poter riproporsi all’elettorato moderato. Anche dal coordinamento cittadino del partito giunge la speranza in un futuro condiviso in vista della campagna elettorale che ci accompagnerà fino alla primavera del 2013. Un impulso sui programmi e su una maggiore presenza tra i cittadini l’idea del capogruppo in Comune Lettieri. Sul grande impegno del Secolo d’Italia e del Pdl in regione Campania ne ha parlato il commissario Nitto Palma. La grande valenza storica del quotidiano voluto da Almirante è stata sottolineata anche dal senatore Luigi Compagna, e dall’eurodeputato Enzo Rivellini. E’ tornato, invece, sulla politica spicciola Nicola Cosentino, auspicando la sinergia di tutti per affrontare a testa alta la sinistra. Chiosa conclusiva di Maurizio Gasparri che partendo dall’analisi dei dati politici sull’antipolitica, ha affrontato il duro tema della ricostruzione della credibilità del partito in tutto il Paese. Un momento importante di confronto sui temi seri, sul terreno ostico del contraddittorio al fine di proporre un programma condiviso atto ad unire e non certo a disperdere. Si riparte dalla Campania, da Napoli per riformulare un’idea di Italia che possa calzare le esigenze di tutti, soprattutto degli Italiani.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©