Politica / Regione

Commenta Stampa

L'ex ministro si è imposto su Vozza e Allodi

PD-Napoli: Nicolais vince le primarie per la Provincia


PD-Napoli: Nicolais vince le primarie per la Provincia
23/03/2009, 10:03

Luigi Nicolais sarà il prossimo candidato PD alla presidenza della provincia di Napoli. L’ex ministro ha vinto le primarie senza difficoltà, come già previsto, imponendosi sui suoi due concorrenti Guglielmo Allodi e Salvatore Vozza. Molto deludente l’affluenza alle urne che ha fatto registrare 40 mila votanti sui 60 mila iscritti nella provincia di Napoli. Decisivi per Nicolais i seggi di Miano, Piscinola, Ponticelli, Portici e San Giorgio. Il sindaco di Castellammare, Salvatore Vozza, è andato forte nella sua città e nei comuni limitrofi di Torre del Greco e Torre Annunziata. Allodi si è imposto nel comune di Arzano e nei quartieri dei Colli Aminei e Marianella.

 
Anche durante queste elezioni il PD si è mostrato ben diviso. Mentre per il ministro Nicolais si è schierata l’area di Morando, Allodi è stato spalleggiato dall’attuale assessore al Turismo Giovanna Martano, mentre, Salvatore Vozza pare abbia avuto il sostegno dei Bassoliniani. Molte indiscrezioni indicano Vozza votato dalla Iervolino, ma non è stato certo il voto del Sindaco di Napoli a sorprendere tutti in una giornata che per il PD poteva andare meglio. Infatti, l’affluenza è stata bassa se si pensa che i potenziali elettori non erano solo gli iscritti al partito, ma chiunque avrebbe voluto sostenere un candidato alternativo a quello del PDL Luigi Cesaro.

 
Se la colpa è della scarsa comunicazione questo non si saprà mai, ma una cosa è certa: c’è aria di crisi nel nuovo partito voluto fortemente da Veltroni che a distanza di pochi anni si è sfasciato portando indecisioni anche sulla scelta del candidato alla Provincia che, come prevede la solita politica, sarebbe dovuto essere stato scelto dai membri del Partito Democratico durante un congresso e non accontentarsi di una disperata partecipazione di chi la politica non la segue nemmeno per televisione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©