Politica / Napoli

Commenta Stampa

Pentangelo, de Magistris sindaco metropolitano? Meglio preoccuparsi del presente

Dobbiamo evitare un pericolosissimo stallo

Pentangelo, de Magistris sindaco metropolitano? Meglio preoccuparsi del presente
11/09/2013, 13:46

NAPOLI - “Sulla questione rifiuti, sicuramente oggi la priorità è capire chi deve pagare i costi di gestione degli impianti. Il resto lascia il tempo che trova. Per questo penso che De Magistris faccia bene a preoccuparsi più del presente che di una sua ipotetica guida della Città metropolitana.  Per come si prospetta il futuro del Governo ed il destino delle riforme costituzionali temo che molti discorsi che si fanno oggi non avranno un vero valore domani. Sul fronte della Città metropolitana anzi, il vero scoglio è proprio l’esigenza di inserire nuove norme che portino all’elezione diretta del sindaco metropolitano”.
Così il presidente della Provincia di Napoli, Antonio Pentangelo, commenta oggi le parole del sindaco di Napoli sulla gestione dei rifiuti e sulla realizzazione di termovalorizzatori nell’area metropolitana.
“Come dimostrano le notizie di cronaca di questi giorni – continua Antonio Pentangelo – vi sono delle emergenze che meritano sicuramente maggiore attenzione e che devono essere assolutamente risolte in tempi brevi. Il futuro della SAPNA e la gestione degli impianti per lo smaltimento dei rifiuti, per esempio, sono decisamente argomenti scottanti. Come tutti sanno fino all’anno scorso la Provincia di Napoli grazie alla Tarsu, una tassa che era in effetti una partita di giro, assicurava le risorse per tali servizi. Ora ci troviamo in un guado pericolosissimo, perché non possiamo più finanziare lo smaltimento dei rifiuti attraverso la nostra società provinciale visto che non riceviamo più alcun fondo da una tassa che non esiste più. Devono farlo i comuni, terminali delle nuove imposte relative a tali servizi. So bene che le amministrazioni locali questi soldi non li hanno ancora nelle loro casse, perché spesso in Provincia ci è toccato anticipare queste risorse ancor prima che ci venissero trasferite. E questo è stato possibile solo grazie ad una nostra buona capacità di cassa. Ma non è così ovunque. Questo è un problema scottante che affronteremo nuovamente in riunioni già nel fine settimana. Non sono ipotizzabili semplici passaggi di consegne proprio perché tali impianti servono tutti i comuni della Provincia di Napoli e non solo il capoluogo. Credo sia inevitabile, specie in una fase di transizione, un intervento del Governo e della Regione a supporto delle amministrazioni locali.
Siamo in una fase delicata che rischia fortemente di portarci al caos, dove tutti dobbiamo pensare ad essere concreti. Non invidio Luigi De Magistris nella sua complessa opera di gestione del Comune, e, per correttezza istituzionale, non ho mai espresso opinioni sul suo operato. Ma lo invito a guardare al presente piuttosto che ad un futuro indefinito, dove sinceramente non credo –conclude il presidente della Provincia di Napoli Antonio Pentangelo - che il sindaco di una Napoli amministrativamente strutturata come la presente, possa pensare anche a guidare con efficienza un’area complessa come quella metropolitana”.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©