Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Annunciati 3000 pullman, ma ne saranno meno della metà

Per il 20 marzo, il Pdl gonfia le cifre della partecipazione


Per il 20 marzo, il Pdl gonfia le cifre della partecipazione
18/03/2010, 12:03

ROMA - E' prassi normale, quando si organizza una manifestazione, gonfiare i numeri dei partecipanti; mentre i TG e la Questura di solito riducono le cifre ai minimi termini. L'ultimo esempio è stato sabato scorso, con gli organizzatori che annunciavano 200 mila presenze; cifra probabilmente esagerata in eccesso, mentre sicuramente è esagerata in difetto la cifra di 25 mila data dalla Questura e dai TG. La stessa cosa sicuramente avverrà sabato, con la manifestazione del Pdl. Con la differenza che di solito la Questura è molto più generosa nelle valutazioni. La piazza, secondo l'Ansa, può contenere 167 mila persone, ma Berlusconi ha già detto che ne vuole 500 mila. E gli organizzatori sembrano anticipare questo evento: 3 treni Freccia Rossa (ribattezzati Freccia Azzurra), navi dalla Sardegna e dalla Sicilia, e soprattutto 3000 pullman. Ma già questa cifra è sospetta, se si considera che gli organizzatori dalla Lombardia parlano di 70-100 pullman. Considerando che lì vive quasi un sesto della popolazione italiana e che è una regione a guida Pdl, significherebbe che sarebbe lecito aspettarsi al più un 600 pullman, da tutta Italia; 1000, volendo esagerare. Il che vuol dire che questa manifestazione non si presenta sotto buoni auspici.
Intanto oggi c'è uno strano articolo su "Il Giornale", sia nell'edizione cartacea che nell'edizione on line. Un articolo non firmato (di norma un articolo non firmato è la posizione ufficiale del giornale) elenca i nomi dei 64 componenti il governo: tutti i ministri, sottosegretari e così via. Un articolo che finisce con la frase: "Verificare assenti e presenti non sarà un problema"; una frase che sa tanto di minaccia. La cosa insolita è che nell'elenco è compreso persino una persona come Gianni Letta che non ha mai partecipato ad una manifestazione in vita sua.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©