Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Per riforma Gelmini 800 maestri in meno a Milano, il commento di Ragone


Per riforma Gelmini 800 maestri in meno a Milano, il commento di Ragone
23/04/2010, 09:04


MILANO - "La scuola pubblica è un diritto costituzionale che deve essere garantito e difeso e invece continua a subire tagli". Queste le parole di Luca Ragone, viceresponsabile milanese dell'Italia dei Diritti in merito alle costanti riduzioni inflitte alla scuola pubblica dalla riforma Gelmini. Per il prossimo anno sono previsti in tutta la regione duemila alunni e un ulteriore ridimensionamento del personale che porterà i presidi a rivedere l'orario e far ruotare i docenti fra le classi.
"Non solo - continua Ragone - il modello didattico del maestro unico, tanto voluto dal Ministro dell'Istruzione, non è stato adottato da alcuna famiglia lombarda, ma paradossalmente i numerosi tagli da parte dell'esecutivo e la diminuzione delle ore tra i docenti rimasti in servizio porteranno a un continuo spostamento degli insegnanti da una classe all'altra. Il governo deve rendersi conto che queste scelte continuano a penalizzare i nostri ragazzi. Il cambio repentino degli insegnanti - conclude il rappresentante territoriale del movimento guidato da Antonello De Pierro - disorienterà i bambini e la riduzione dell'organico porterà ad un notevole aumento del numero di alunni per classe danneggiando ed impoverendo l'istruzione dei singoli".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©