Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Le politiche pubbliche facciano gli interessi dei cittadini

Per Sacconi aiuti solo alle famiglie naturali, la critica di Soldà


Per Sacconi aiuti solo alle famiglie naturali, la critica di Soldà
09/11/2010, 17:11

Roma, 9 novembre 2010 – All’indomani della Conferenza nazionale della famiglia, tenutasi a Milano, si aprono le polemiche sulle dichiarazioni espresse dal ministro del Welfare, Maurizio Sacconi. Al centro del dibattito vi è l’atteggiamento discriminatorio del governo che mira a tutelare la famiglia naturale, a scapito della convivenza more uxorio, mediante la rivisitazione dell’Isee e la creazione di un “casellario delle famiglie”. Per chi ha scelto di non legittimare formalmente la propria unione, il ministro si limita a osservare che “le politiche pubbliche si occupano della famiglia naturale basata sul matrimonio e della natalità più in generale, anche di quella fuori dal matrimonio”. Non è chiaro, però, quali sia l’impegno pragmatico che il governo vuole predisporre per queste relazioni affettive inquadrate attualmente sotto una dimensione privatistica, a fronte di una maggiore chiarezza d’intenti per i nuclei con figli a carico o appartenenti alle fasce più deboli, che vedranno ridotta la pressione fiscale e verranno agevolati nell’accesso ai servizi. Decisamente contrario è il punto di vista di Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, il quale afferma: “Sacconi è il ministro di tutti e nelle sue dichiarazioni dovrebbe tener presente che le politiche pubbliche devono fare gli interessi di tutti i cittadini italiani. Non si può discriminare tra i figli di una famiglia naturale e quelli di una di fatto – conclude l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – perché tutti hanno gli stessi diritti che devono essere considerati in egual misura”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©