Politica / Napoli

Commenta Stampa

Perforazioni a Bagnoli. Verdi Ecologisti: "abbiamo grandi perplessità"


Perforazioni a Bagnoli. Verdi Ecologisti: 'abbiamo grandi perplessità'
17/05/2012, 17:05

"L' ok che avrebbe fornito il Comune di Napoli - dichiarano il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli ed il segretario cittadino Vincenzo Peretti - sui terreni di Bagnoli Futura per le trivellazioni progettate dal " Deep Drilling Project' finanziato dal Consorzio internazionale per le perforazioni profonde continentali se fosse confermato ci lascerebbe estremamente perplessi. Innanzirtutto perchè non capiamo cosa sia cambiato rispetto al diniego fornito dalla stessa amministrazione nell' ottobre 2010 anche dopo una relazione del Prof. Ortolani pubblicata a livello internazionale in cui venivano evidenziati tutti i pericoli dell' operazione.
«Reputo inutile - scrisse il professore Franco Ortolani, ordinario di geologia alla Federico II - questo progetto. Oltretutto una spesa del genere non può essere giustificata, specialmente in un area urbana. Il pericolo non è un eruzione, ma è la fuoriuscita di gas. Bisogna accertare che il sistema di sicurezza adottato sia valido. L’intervento è estremamente delicato, e per le finalità proposte non serve».
"Il comune - continuano Borrelli e Peretti - chiese allora anche il parere positivo da parte della Protezione Civile che non lo fornì. C' erano molte perplessità in particolare sul buco che doveva raggiungere una profondità di 3800 metri arrivando fino al magma della zona vulcanica dei Campi Flegrei. Inoltre le precedenti trivellazioni realizzate negli anni addietro dall' Agip Enel sempre nella stessa area si erano rivelate fallimentari e poco gestibili. Infine non vorremmo che Bagnoli da area a destinata al verde, al tempo libero e al mare si trasformasse in un luogo di rifiuti e trivellazioni visto il progetto già strutturato e presentato dal comune di realizzarvi un digestore anaerobico per smaltire la frazione umida della spazzatura".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©