Politica / Regione

Commenta Stampa

candidatura Cosentino: continuano le polemiche

Piano casa fermo in Campania, Pdl: "Situazione kafkiana"


.

Piano casa fermo in Campania, Pdl: 'Situazione kafkiana'
09/11/2009, 15:11

Precisare la posizione del centrodestra in Consiglio regionale in merito alla travagliata vicenda del disegno di legge sul Piano casa in Campania, e individuare le responsabilità della mancata approvazione della legge regionale: questi gli obiettivi della conferenza stampa indetta questa mattina dai vertici campani del Popolo della libertà, con la partecipazione dei presidenti regionali degli ordini degli architetti e degli ingegneri. Nato dall'intesa tra Stato e Regioni per dare impulso, in tempi di crisi, al settore dell'edilizia, strategico per la ripresa dell'economia in una regione che per quarant'anni ha sofferto la piaga dell'abusivismo edilizio, il Piano casa è bloccato da quattro mesi in Campania, così come in Molise e in Liguria: la causa è da attribuire a spaccature in seno alla maggioranza politica in Consiglio regionale che hanno comportato uno stravolgimento del disegno di legge licenziato dalla Giunta regionale. "O questa legge ha una portata tale da essere un incentivo allo sviluppo dell'edilizia, oppure la maggioranza dovrà ritirarla", è il monito espresso in apertura della conferenza dal Capo dell'Opposizione in Consiglio regionale Franco D'Ercole, il quale, così come gli altri esponenti del PdL presenti all'incontro, ha sottolineato come la situazione abbia assunto dei contorni "kafkiani" e sia doveroso risolverla entro il mese di novembre. Assente, sebbene la sua presenza fosse stata annunciata dagli organi di stampa, il coordinatore regionale del PdL, Nicola Cosentino, confermato ieri da parlamentari e consiglieri regionali del partito riunitisi a Caserta, candidato in pectore al ruolo di nuovo governatore campano. Il PdL è compatto e determinato a scommettere sul profilo del Sottosegretario anche il giorno dopo le parole del presidente della Camera, Gianfranco Fini, ospite della trasmissione televisiva "Che tempo che fa" di Fabio Fazio: "Sono inopportune alcune candidature, anche se portano un sacco di voti - ha detto ieri Fini pur senza alcun esplicito riferimento a Cosentino. Ulteriori polemiche sulla candidatura di quest'ultimo alle Regionali sono scoppiate in seguito a voci circolate circa un suo presunto coinvolgimento in un'inchiesta giudiziaria.

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©

Correlati