Politica / Regione

Commenta Stampa

Pica su alluvione del novembre 2010


Pica su alluvione del novembre 2010
24/06/2011, 12:06

Nella giornata di ieri il Consigliere regionale Donato Pica attraverso una missiva ha chiesto formalmente chiarimenti ed informazioni in merito alla mancata corresponsione dei risarcimenti annunciati alla popolazione del comune di San Rufo, nel Vallo di Diano, per gli allagamenti e le ingenti perdite di derrate alimentari, a scopo agricolo, venutesi a verificare a seguito delle piogge alluvionali e dell’esondazione del torrente Marza nei giorni 8, 9 e 10 novembre del 2010. Nella missiva Pica evidenziando lo stato di disagio della popolazione locale e soprattutto l’incongruenza dell’operato degli uffici dello stesso assessorato che pur avendo effettuato i rilievi ed i sopralluoghi nelle aree interessate dall’evento alluvionale nei tempi stabiliti e comunque entro il 30 dicembre 2010, con appositi verbali, si è poi ritenuto di non procedere alle richieste di risarcimento avanzate in quanto le stesse ritenute in contrasto con la “Direttiva regionale per l’accertamento ed il risarcimento dei danni causati da mancata manutenzione del reticolo idrografico di competenza della Regione Campania”. Una circostanza particolare verificatasi per la non applicabilità del DGR 410 del 25 marzo 2010 in merito alla dichiarazione di stato di emergenza avvenuto il 18.11.2010. In sostanza, il fatto stesso che sia stato decretato lo stato di emergenza, paradossalmente svincola la Regione Campania dal risarcimento in virtù del DPCM del 18.11.2010 che prevede risorse straordinarie da parte del Governo centrale. Una situazione assurda e paradossale che si riverbera sui cittadini che hanno subito danni ingenti. Nella missiva quindi si chiede di conoscere quali determinazioni l’assessorato ha adottato o intende adottare al fine di dare una concreta risposta alla comunità di San Rufo che da prassi ha chiesto comunque l’indennizzo dei danni subiti. Nella stessa missiva, infine, Pica chiede di conoscere quali interventi sono stati programmati dallo stesso assessorato in virtù del DPCM del 18.11.2010 e delle relative risorse assegnate dal Governo nazionale per il superamento della calamità.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©