Politica / Politica

Commenta Stampa

L’emozione del procuratore nazionale antimafia

Pietro Grasso formalizza la sua candidatura con il Pd

Bersani: “Serve riscossa civica per il Paese”

Pietro Grasso formalizza la sua candidatura con il Pd
28/12/2012, 13:51

ROMA – Si commuove il procuratore nazionale antimafia, c, in conferenza stampa con il leader del Pd,  Pier Luigi Bersani, quando annuncia la sua candidatura come capolista del Partito democratico alle prossime elezioni.  “Non voglio usare termini come salire o scendere in politica. Ho finito la mia esperienza e ora mi sposto in politica -  dice ai presenti - non pensavo di dover prendere una decisione così rapida, prendo il treno in corsa è stata una decisione radicale e sofferta”. Poi una confessione: “Prima di firmare le dimissioni da magistrato mi tremava la mano perché è una scelta di vita”.

Grasso ha, infatti, presentato al Csm la richiesta di aspettativa elettorale che verrà ratificata dal plenum alla riapertura dei lavori dopo la pausa delle festività. Il procuratore nazionale Antimafia ha presentato al Csm anche domanda di pensionamento, a partire dal prossimo 28 febbraio. Cosa questa, diversa dalla richiesta di aspettativa per motivi elettorali e revocabile fino a quando il Consiglio superiore della magistratura non la delibera.

I contatti tra Grasso ed i democratici hanno avuto una accelerazione nell'ultima settimana, ma erano iniziati prima della crisi del governo Monti e, stando alle fonti,  non sono legati alla candidatura di Antonio Ingroia.

Quanto al programma il nuovo candidato del Pd ha le idee chiare: “Il mio progetto va oltre: un progetto di rivoluzione del sistema giustizia che va affrontato in modo graduale”, dice.

Interviene, poi, Bersani spiegando ai presenti il motivo per cui si è deciso di mettere Grasso come capolista alle politiche: “Il Pd vuole essere una infrastruttura per la riscossa civica del paese perché la politica da sola non arriva e ci vogliono energie civiche – specifica il leader del Pd - ho letto sull'Osservatore Romano un forte rivalutazione della nobiltà della politica. Per me non è una sorpresa. La nobiltà in politica non mi sorprende quando si riesce a guardarla dal basso ed io farò così”.

E a breve di elezioni dovrà occuparsi anche la Procura nazionale antimafia per cercare il sostituto di Pietro Grasso. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©