Politica / Napoli

Commenta Stampa

Pisani: “Pronto ad incatenarmi sotto Palazzo San Giacomo con tutti i consiglieri"


Pisani: “Pronto ad incatenarmi sotto Palazzo San Giacomo con tutti i consiglieri'
04/10/2012, 15:00

“A tutt’oggi le Municipalità non possono disporre di un euro perché il Comune in serio pericolo di dissesto non approva il rendiconto 2011 ed il riequilibrio rendendo virtuale il peg seppur misero assegnato ai municipi. Ma il Comune di Napoli, che spera in una proroga di Monti, ora minaccia di prosciugare proprio le casse delle Municipalità di periferia rispetto a Chiaia e Vomero con grave discriminazione dei cittadini e mortificazione del territorio” - ha denunciato l'avv. Angelo Pisani, Presidente dell’ Ottava Municipalità, dinnanzi alla nuova brutta sorpresa  che lo stesso presidente definisce “un vero incubo chiusura per ben otto delle Municipalità partenopee”.

 “Dopo il “taglio” di ben 7 milioni nello scorso bilancio comunale, a Scampia il ragioniere generale del Comune propone di togliere 455 mila euro, a San Carlo all'Arena 300mila euro e così via salvo tutelare solo i cittadini della Napoli bene dove abitano magistrati e borghesia della città per mettere un'altra pezza a colori al fallimentare del bilancio del Comune”.

“Palazzo San Giacomo decide di togliere solo agli otto Parlamentini di periferia fino a 455mila euro dalle risorse destinate alla manutenzione ordinaria delle strade colabrodo e degli impianti – ha spiegato Pisani -. Insomma, soldi che servivano come il pane viste le condizioni dell’asfalto nella maggior parte dei quartieri di Napoli e i gravi pericoli per i cittadini”.  

A comunicare la “sforbiciata” è stata la ragioneria generale dell’Amministrazione Comunale che ieri mattina ha inviato una comunicazione scritta alle dieci Municipalità avvisando che adesso non avranno più a disposizione i fondi  per riparare buche e voragini e per mettere in sicurezza le carreggiate ed i marciapiedi. Sulla vicenda si è espresso duramente il presidente dell’Ottava Municipalità, Angelo Pisani: “Si tratta di un nuovo vergognoso scippo effettuato senza criteri e con grave discriminazione dal Comune ai danni dei Parlamentini, e tutto quanto avviene quando il Governo arriva a Napoli ed annuncia insieme al Comune progetti per Scampia dove occorrono non pochi soldi per portarli a termine e per fronteggiare le sirene della camorra”.

“Intanto il sindaco De Magistris non disdegna di togliere ulteriormente soldi alle amministrazioni più vicine alla gente e per capitoli di spesa di enorme importanza. Ho chiesto di revocare immediatamente questo ‘scippo’ ai diritti dei cittadini e subito chiarimenti alla ragioniera comunale, avvisando che se non ci saranno interventi in merito, sono pronto a chiudere il palazzo Municipalità e ad incatenarmi sotto Palazzo San Giacomo in segno di solidarietà con i cittadini maltrattati e le periferie violentate”.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©