Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Pisapia:"Meglio bimbi adottati da gay che senza genitori"

Sindaco di Milano favorevole alle adozioni per omossesuali

Pisapia:'Meglio bimbi adottati da gay che senza genitori'
24/09/2012, 09:35

Dal palco di Vasto arriva la risposta al richiamo del papa sulle questioni etiche. Ci pensa il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, che alla convention dell’Italia dei Valori afferma: “Meglio avere genitori omosessuali, piuttosto che non averne affatto”. Automaticamente Pisapia fa da sponda anche alle affermazioni di Nichi Vendola, che qualche giorno fa ha espresso il suo desiderio di diventare padre. “Il primo interesse da tutelare”, continua il sindaco di Milano, “quando si parla di minori, è sempre quello dei bambini. E non ho dubbi nel dire che un bambino adottato e amato da una coppia crescerà sicuramente meglio che un bambino senza genitori. Quando si affrontano questioni delicate come questa è necessario avere bene in mente la realtà senza pregiudizi. E nella realtà, come dimostra l’esperienza di molti paesi Europei, i bambini possono essere cresciuti da ottimi genitori, sia etero che omosessuali, mentre al contrario possono esserci pessimi genitori in entrambi i casi”. Non tardano ad arrivare le risposte alle dichiarazioni di Pisapia. Il primo è Ignazio La Russa, coordinatore nazionale del Pdl: “Pisapia che vuole dare a un bimbo genitori adottivi dello stesso sesso con la scusa che meglio una coppia gay che senza genitori, non sa o fa finta di non sapere che sono migliaia le coppie etero in attesa di ottenere bimbi in adozione oltre a quelli esclusi per antiquati limiti di età?”. Ancora dal Pdl parla il senatore Carlo Giovanardi: “Le affermazioni del sindaco di Milano non solo sono in contrasto con la legislazione in vigore approvata nel duemila, quando governava il centro sinistra, ma sono uno schiaffo ai diritti dei bambini e delle coppie regolarmente sposate che non riescono ad adottare bambini per mancanza di bambini adottabili”. 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©