Politica / Parlamento

Commenta Stampa

POLEMICHE DI FIELE TRA CONTRADA E FAMIGLIA BORSELLINO


POLEMICHE DI FIELE TRA CONTRADA E FAMIGLIA BORSELLINO
02/01/2008, 13:01

La polemica tra Bruno Contrada e la famiglia Borsellino diventa sempre più pesante. L'ex super poliziotto dopo aver precisato che non chiedeva la grazia ma un semplice grazie dallo Stato, e un trattamento più umano, ha ribadito che la sua istanza è per la revisione del processo con cui e' stato condannato a 10 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa. La richiesta, ha spiegato oggi il suo avvocato Giuseppe Lipera in una conferenza a Roma, sara' presentata dopo il 10 gennaio, cioe' dopo l'udienza del tribunale di sorveglianza di Napoli che deve decidere se lasciare o no l'ex numero 3 del Sisde all'ospedale Cardarelli. L'istanza sara' depositata al tribunale di Caltanisetta. Le polemiche sono relativa a una dichiarazione di Contrada, dopo che a fronte delle sue dichiarazioni, si era sollevata una ridda di dichiarazioni contrarie a ogni intervento. Contrada aveva detto, per sottolineare la sorpresa di alcune posizioni, che aveva avuto un ottimo rapporto con Paolo Borsellino.
Il fratello di Paolo, Salvatore, oggi ribadisce quanto espresso dalla famiglia Borsellino a più riprese:
"Quello che dico è risultanza di atti processuali. Oltre questo, mi sono fatto ribadire dalla figlia maggiore di Paolo, Anna, quali fossero i suoi ricordi: almeno in due occasioni Paolo ha reagito al solo sentir nominare Bruno Contrada, che peraltro gli altri componenti del nucleo familiare non conoscevano, dicendo che sarebbe stato meglio che nemmeno avessero pronunziato quel nome, trattandosi di un individuo estremamente pericoloso".
Riferendosi al lavoro di giudice del fratello Salvatore ha raccontato: "Non dimentichiamo poi che il pentito Gaspare Mutolo, in un colloquio non verbalizzato aveva fatto il nome di Bruno Contrada insieme a quello del giudice Signorino. Paolo fu ucciso la settimana prima dell'incontro che avrebbe dovuto avere con Mutolo per verbalizzare queste dichiarazioni. Il giudice Signorino si uccise quando iniziarono a trapelare queste dichiarazioni di Gaspare Mutolo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©