Politica / Napoli

Commenta Stampa

Il sindaco partenopeo impegnato in una "due giorni" inglese

Polemiche per De Magistris "casualmente" a Manchester con il Napoli


Polemiche per De Magistris 'casualmente' a Manchester con il Napoli
14/09/2011, 11:09

NAPOLI - Rischia di essere la trasferta più polemica quella decisa dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris per questi due giorni. Infatti il sindaco e il vicesindaco Tommaso Sodano sono in Inghilterra dove hanno avuto incontri - che il vicesindaco definisce "istituzionali", senza specificare oltre - che sono di lavoro. Il punto è che, per una singolare coincidenza, oggi in Inghilterra ci sta anche il Napoli calcio, che questa sera giocherà la sua prima partita di Champions dai tempi di Maradona, proprio a Manchester. E pare che sugli spalti dello stadio inglese ci saranno sia De Magistris che Sodano.
Questo ha destato la rabbia del Pdl che, attraverso il suo capogruppo in Consiglio Comunale, che accusa: "Mentre la città di Napoli si appresta a vivere una nuova emergenza rifiuti, De Magistris, anzichè trovare soluzioni e sottoporsi al democratico dibattito consiliare, in maniera irresponsabile ed irrispettosa verso le istituzioni, preferisce fare il tifoso anziché il sindaco, adducendo come pretesto della sua trasferta non meglio specificati incontri istituzionali di cui vorremmo avere immediata contezza. Oggi in consiglio comunale, nel corso del question time si sarebbe dovuto discutere anche della questione ambientale. Vorremmo sapere a che punto è il tanto sbandierato piano per la differenziata; a che punto è l'accordo con lo stato estero per smaltire i rifiuti; quali sono le soluzioni strutturali all'emergenza. Domani si sarebbe dovuto parlare dell'America's Cup, e ci avrebbero dovuto spiegare perchè se la sono fatta soffiare sotto il naso e come intendono rimediare al danno d'immagine e sostanziale che hanno prodotto alla città".
Una ricostruzione negata da Sodano, che promette di rendere conto al suo ritorno dei motivi della trasferta inglese e specifica a che non era all'ordine del giorno la questione rifiuti nè è vero che De Magistris ha chiesto lo spostamento di due consigli comunali, ma solo di uno.
Resta il problema dell'opportunità: se veramente erano in vista incontri istituzionali, era proprio necessario farli in questi giorni? Non esisteva altro momento al mondo in cui farli? Il Comune di Napoli ha avuto una brutta delusione dal comportamento del Pd della gestione Iervolino; De Magistris si rende conto che non ne sopporterà un'altra a cuor leggereo? Certo, finora ha fatto molto: ha dimezzato le spese per la politica; sta comunque procedendo con la raccolta differenziata, anche  se molto più a rilento di quanto inizialmente promesso; ed altro. Ma ora i napoletani sono più esigenti di 20 anni fa. E questi lati positivi non bastano.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©