Politica / Regione

Commenta Stampa

Polemiche Piano Paesistico: l'assessore Taglialatela chiarisce

Nessun disguido con Passera al quale ha scritto una lettera

.

Polemiche Piano Paesistico: l'assessore Taglialatela chiarisce
18/09/2012, 16:03

Tra i banchi dell'aula del centro direzionale si discute di "Norme in materia di tutela e valorizzazione del paesaggio in Campania". Un provvedimento che fa capo all’assessorato all’urbanistica di Marcello Taglialatela e che consentirà alla Regione di esercitare le funzioni amministrative di tutela e valorizzazione del paesaggio.  Una norma che ha suscitato non poche polemiche, e anche qualche smentita poi chiarita da parte del Ministero competente. L’assessore ha infatti scritto al responsabile del Mise: “L'obiettivo alla base del disegno di legge - - è esattamente l'opposto ed in tale senso ho personalmente mantenuto un costante confronto con l'ufficio legislativo. del Mibac (Beni culturali, ndr) e la Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania. In ogni caso, onde consentire una valutazione oggettiva Le invio in allegato lo schema di legge recante "Norme in materia di tutela e valorizzazione del paesaggio in Campania"”. Inoltre continua Taglialatela: “Si tratta di una legge di principi, come è agevole desumere dalla lettura, attuativa della convenzione europea del paesaggio e del codice dei beni culturali. Tengo a precisare che l'articolo 15, oggetto di discussione e contrasti, è l'anticipazione disposizioni necessarie alla effettiva preparazione del piano paesaggistico regionale e non ha alcuna mode alterato il regime vincolistico di tutela Per quanto riguarda il piano della penisola sorrentina-amalfitana ex 1.r. n.35/87 (put) è stato ridimensionato il perimetro riportandolo a quello delle aree vincolate ed escludendo quelle zone ( quattro comuni su 34) non gravate da alcun vincolo paesaggistico. Il fatto che questi quattro comuni fossero stati ricompresi nel perimetro del Put non equivaleva evidentemente all'apposizione di vincoli, che potevano essere imposti solo mediante una speciale procedura prevista dalla legge n.1491139. al tempo non attivata né dallo Stato né dalla Regione Campania. In definitiva le disposizioni in questione, riguardanti i quattro comuni, hanno solo valenza urbanistica e non paesaggistica”. La maggioranza intende andare avanti nella discussione del provvedimento, così come chiarito dal capo-gruppo in consiglio Caldoro Presidente, Gennaro Salvatore: “Per la prima volta da quando è stata istituita, la Regione Campania ha messo in campo una legge di sistema sul governo di una materia tanto delicata quanto complessa come quella paesaggistica. E di questo va senz´altro dato atto al governo Caldoro e all´impegno all´assessore Taglialatela che ha svolto un ottimo lavoro, attento alle diverse istanze in campo e proficuamente ripreso in commissione Urbanistica”. 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©