Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Parole di stima dall’ad di Fiat all’ex di Confindustria

Politica: Marchionne tifa Montezemolo. “Lo appoggerei”

“È una brava persona. Ciò di cui l’Italia ha bisogno”

Politica: Marchionne tifa Montezemolo. “Lo appoggerei”
24/08/2011, 16:08

ROMA - Luca Cordero di Montezemolo “è una brava persona” e dinanzi alla possibilità che possa entrare in politica, “nonostante il mio consiglio di non farlo”, “avrebbe personalmente il mio appoggio”: sono queste le parole con le quali, al termine del meeting di Rimini, l’amministratore delegato della Fiat ha elogiato Montezemolo, appoggiando in questo modo un suo probabile ingresso in politica. Parole che il capo del Lingotto, Sergio Marchionne, ha motivato con il pieno rispetto che nutre per “l’amico Luca” e per “il lavoro straordinario da lui effettuato con la Ferrari”: secondo Marchionne, infatti, Montezemolo avrebbe una grande capacità di saper creare delle “grandissime squadre in grado di vincere” e va da sé, ha continuato, che “questo è ciò di cui l’Italia ha realmente bisogno”.
Sono parole di stima quelle di Marchionne e mentre non è dato sapere, almeno per il momento, se Luca Cordero di Montezemolo sia effettivamente interessato a celebrare il suo ingresso in politica, sembra avere invece le idee chiare l’ad della Fiat: Marchionne, infatti, conversando con i giornalisti, ha voluto ribadire ancora una volta che dal canto suo non farebbe mai il politico e tantomeno avrebbe interesse a ricoprire la carica di ministro dell’Economia.
Tornando all’ex presidente di Confindustria, negli ultimi giorni Montemolo aveva criticato la Manovra e lanciato proposte. Da “Italia Futura”, la fondazione che a lui fa capo, era arrivata la proposta di correggere la Manovra e di introdurre sul fronte del mercato del lavoro “un contratto unico” che potesse prevedere “occupazione a tempo indeterminato per tutti i nuovi assunti; piena protezione contro i licenziamenti disciplinari ingiustificati, nessuna inamovibilità per motivi economici e organizzativi”. Sempre nei giorni scorsi, inoltre, non era poi passata inosservata la replica di Luca Cordero di Montezemolo al ministro leghista Roberto Calderoli che aveva definito l’imprenditore una di “quelle scoreggie d’umanità che non hanno mai lavorato in vita loro”. "Rispondere a Calderoli - aveva commentato l’ex presidente di Confindustria - è troppo, ma mi dispiace per tante persone serie della Lega che sono in imbarazzo e hanno un grave danno a causa di esternazioni di chi ha l’onore e l’onere di rappresentare l’Italia a livello governativo”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©